L’UE finanzia l’energia pulita della Puglia Active Network

eolico-offshoreIl progetto ‘Puglia Active Network’ è fra i 19 vincitori del bando Ner300 dell’Unione europea dedicato alla lotta ai cambiamenti climatici, che ha assegnato nel complesso un miliardo di euro in 12 Paesi Ue. I fondi arrivano tutti dai proventi del mercato europeo della CO2 (Ets), che oltre a 18 progetti dedicati all’energia pulita finanzierà anche il primo progetto in Europa di cattura e stoccaggio di carbonio (Ccs) su larga scala.

‘Puglia Active Network’ si aggiudica 85 milioni di euro e ha come scopo quello di dimostrare come sia possibile una gestione attiva di rete e distribuzione di energia su larga scala, aumentando la possibilità di usufruire di rinnovabili.

L’attività di ‘Puglia Active Network’ include un controllo attivo dei flussi di energia, la facilitazione della risposta alla domanda, servizi per il controllo della qualità della fornitura, la riduzione degli sprechi della rete, la possibilità di rifornire veicoli elettrici con la ricarica delle batterie. I progetti europei selezionati, che saranno operativi entro il 2018, consentiranno di aumentare la produzione annua di energia rinnovabile nell’Ue di quasi 8 terawatt/ora (TWh), l’equivalente del consumo elettrico annuo combinato di Cipro e Malta. L’impianto dimostrativo del Ccs intende catturare 1,8 milioni di tonnellate di CO2 l’anno, quanto quella emessa su strada da oltre un milione di autoveicoli.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici