Confesercenti: «Il Gargano deve puntare anche a destagionalizzare»

mare-rodi-garganicoLuglio e agosto restano ovvianente i periodi preferiti per le vacanze dagli italiani, anche se in misura minore rispetto agli anni precedenti. E’ quanto emerge da un sondaggio sull’estate 2013 di Confesercenti-Swg. In questo mese partiranno per le vacanze 9milioni e 766mila italiani (il 38%) mentre ad agosto le località di villeggiatura ospiteranno 13milioni e 364mila vacanzieri (il 52%). A maggio, giugno e settembre solo il 36% ha messo da parte i propri impegni lavorativi per scegliere una vacanza all’insegna del relax e delle attivita’ culturali. E per la meta’ degli italiani che partiranno, ben 12milioni e 850mila il mare resta ancora la meta preferita, inseguita al secondo ed al terzo posto solo da un 14% (ma in crescita rispetto all’11% del 2012) di coloro che preferiranno trascorrere i giorni di riposo viaggiando tra storia e cultura delle città d’arte e da un 12% stabile di vacanzieri che preferirà soprattutto la tranquillità e le passeggiate delle mete montane. La destagionalizzazione, dunque continua a non premiare anche sul Gargano, complice anche le cattive condizioni meteo che di certo non hanno favorito l’afflusso di turisti.

«E’ una cultura delle vacanze ancora da inculcare – commenta Franco Granata, direttore della Confesercenti Foggia – Il turista preferisce i periodi clou ma non bisogna demordere: occorre perseguire questo obiettivo accompagnandola a una migliore e più premiante politica dei prezzi. Insomma, il Gargano può e deve puntare alla destagionalizzazione. Un traguardo che permetterebbe maggior ricavi economici e un utilizzo più lungo delle strutture ricettive per il momento limitato a una quarantina di giorni pieni per ogni stagione estiva. Tanto si è fatto ma non basta».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici