Promozione, torneo che non si ferma mai

calcioIl torneo di Promozione pugliese è l’unico che non si è mai fermato, anzi l’unico che non lo farà fino alla fine della stagione calcistica 2012/13. Mai così massacrante la cosiddetta “Serie B” del calcio dilettantistico pugliese, che vede sei compagini della Capitanata in campo questo pomeriggio. Il torneo non si fermerà mai, nessuna giornata di sosta in tutto l’arco della stagione con 38 partite tutte di seguito.

Si rigioca oggi con la sorprendente Ascoli che potrebbe avvicinarsi ad una sola distanza dalla capolista SudEst che riposa (torneo a 19 squadre). Gialloblu senza l’attaccante Porcelluzzi, ma con tanto pubblico ad incitare Montemorra e soci al successo pieno con un modesto Bitritto. Nuovo tecnico a Lucera: Maiellaro al posto di Mendolicchio. L’ex giocatore di Fiorentina e Bari ha già diretto il suo primo allenamento e guiderà la squadra contro il Melphicta Molfetta. Maiellaro è stato scelto proprio del neo presidente Antonio D’Antini dopo aver consultato il suo vice Aurelio De Fantis, il team manager Gianni Giarnieri, e i dirigenti Gerardo Di Domenico e Mario Ricotta ma anche dal segretario Dino Fenuta.

Decimato il San Giovanni che andrà a a Castellana. Il tecnico Centra squalificato fino a tutto marzo, poi appiedati dal giudice sportivo anche i calciatori Fiorentino e Giordano. In casa del Castellaneta il Carapelle che cerca il podio. La squadra del tecnico Pasquale Ciccone sarà priva di Roberto Lasalandra e di Michele Ciccone. I rossoblu, matricola nel campionato di Promozione, non mollano la presa. Quarto posto in classifica e podio ad un punto. Una spanna sopra tutti. Il Carapelle, con la classe della gioventù e l’esperienza dei “non – netti”, ha un unico intento: vincere. La parabola della squadra del presidente Mario Tarantino ha del sorprendente, soprattutto se si considerano le difficoltà incontrate nel corso della scorsa stagione. La squadra si allena e gioca ad Ordona con il campo amico ormai un lontano ricordo. Visto l’organico a disposizione di mister Pasquale Ciccone attendersi un exploit simile era inopportuno, poco credibile. Mascia, Bosco, Pelullo e Quaresimale invece, a dispetto dello scetticismo duro a morire, c’è riuscito, e con una grande prova di forza.

A Rodi, in casa del gargano calcio arriva lo Sporting Altamura. La compagine del patron Agostino Triggiani cerca i tre punti. Martella, Iannone, D’Errico e D’Aprile pensano in positivo. Ranieri, La Torre, Del Conte e Salerno vogliono continuare a fare bene: l’obiettivo resta la salvezza. «Assolutamente sì, è il nostro scudetto – conclude Triggiani -: raggiungerla, per noi sarebbe come aver vinto il campionato. Siamo uniti, ci proveremo». Salerno e compagni quando non mollano in fatto di concentrazione, possono vincere con chiunque e lo hanno già dimostrato. E allora riprovaci, Gargano Calcio: serve oggi un altro successo. Queste le gare di oggi: Ascoli Satriano- Virtus Bitritto; Castellana-San Giovanni Rotondo; Castellaneta-Carapelle; Celle di San Vito-Rinascita Rutiglianese; Gargano Calcio-Sporting Altamura; Nuova Lucera Calcio-Melphicta Calcio; Puglia Sport Noicattaro-Cellamare; Sport Noci-Nuova Andria; Victoria Locorotondo-Real Alberobello, riposa la SudEst. La classifica ad oggi: SudEst 39; Ascoli Satriano 35; Melphicta Molfetta 30; Altamura 29; Carapelle 27; Virtus Bitritto e Sport Noci 25; Castellaneta 23; Cellamare 22; Alberobello 18; Gargano Calcio 17; Celle San Vito 16; Puglia Sport Noicattaro 15; Rutiglianese 14; Locorotondo e Castellana 13; Nuova Lucera Calcio 12; San Giovanni Rotondo 11.

Antonio Villani

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici