Gargano Calcio, secondo anno nel campionato più duro di tutti

gargano-calcioIl Gargano Calcio, che disputerà per il secondo anno consecutivo il campionato di Promozione pugliese proverà, nella prossima stagione, a mettere in pratica quello che da più parti in molti a parole vogliono fare, ma che poi nei fatti non riescono. Portare i “rimborsi spesa” vicino allo zero. I riflessi della complicata situazione economica che attanaglia il nostro paese, ormai da anni si riversa nel calcio, rendendo il reperimento dei fondi da parte delle società veramente difficoltoso. La società del presidente Agostino Triggiani (che deve già pensare a raccogliere i 25mila euro per le lunghissime trasferte e i 10mila per le iscrizioni di Prima squadra, Juniores e settore giovanile) lancia la politica del “rimborso quasi zero”.

«Quando nascemmo, l’obiettivo con il quale nasceva la nuova società era quello di arrivare, nel giro di qualche anno, a costruirci in casa i giocatori per la prima squadra – dice Triggiani -. Il settore giovanile credo sia la scommessa vinta. Lo scorso anno con la Juniores abbiamo fatto davvero una bella figura e diversi giovani calciatori sono passati in prima squadra Gran parte del budget cerchiamo di investirlo nei giovani, nei nostri calciatori del posto. Oggi ci troviamo nelle condizioni di poter accelerare quel percorso e, stante così le cose, arrivare anche e destinare quasi il 90% delle risorse ai nostri ragazzi che giocheranno in prima squadra. Come faremo? Condividendo con chi giocherà in prima squadra l’idea di giocare per un rimborso che tenderà verso lo zero. Per questo limiteremo il raggio di azione a giocatori del posto, che saranno privilegiati in fase di scelta, promuovendo via via giocatori dal settore giovanile. Abbiamo parlato con molti ragazzi del gruppo dell’anno scorso e abbiamo già incassato tantissime conferme – rimarca Triggiani – con ragazzi che si sono mostrati entusiasti. Tre, quattro giocatori li promuoveremo dalla juniores, per chiudere il cerchio andremo in cerca di quattro elementi che completino la rosa. Se dovremo andare con qualcuno che è lontano, ovviamente valuteremo l’opportunità di calibrare il rimborso, ma guai a parlare di cifre circolate negli anni passati».

Intanto si allarga la “famiglia” del consorzio calcistico del Gargano Calcio. In società i dirigenti della Santucci Ischitella che nella scorsa stagione, con la loro squadra, parteciparono al torneo di Seconda categoria.

Antonio Villani

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici