Approvato in Consiglio Regionale il referendum abrogativo della geografia giudiziaria

urne-elettoraliIl Consiglio regionale ribalta il parere negativo della Commissione. Con 49 voti favorevoli, 1 astenuto e 1 voto contrario il Consiglio regionale ha approvato la proposta di adesione alla richiesta del referendum abrogativo della legge che prevede la soppressione dei tribunali minori, a seguito della riorganizzazione degli uffici giudiziari.

Tale proposta aderisce all’analoga iniziativa intrapresa da altre Regioni (Abruzzo, Calabria e Campania). Sono stati eletti dal Consiglio regionale anche i due membri (effettivo e supplente) quali rappresentanti del Consiglio regionale della Puglia delegati per il referendum. Rispettivamente si tratta dei consiglieri Antonio Maniglio e Nino Marmo.

“Esprimo la mia più viva soddisfazione per l’approvazione all’unanimità, da parte del Consiglio Regionale della Puglia, della proposta di adesione alla richiesta di referendum abrogativo di alcune disposizioni della L. 148/11 e dei decreti legge 155/12 e 156/12 (revisione delle circoscrizioni giudiziarie), provvedimenti per effetto dei quali sono stati soppressi il Tribunale Ordinario di Lucera, le sezioni distaccate di Manfredonia, San Severo, Cerignola, Apricena, Rodi Garganico e San Nicandro Garganico”, commenta il consigliere regionale Giandiego Gatta.

Intanto i deputati Grillini pugliesi portano la vicenda in Parlamento.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici