Parco del Gargano, a lezione di educazione ambientale

Parco Nazionale del GarganoSono partite ieri da Manfredonia e San Marco in Lamis, le prime lezioni di “Parcogiochi”, il primo progetto di Educazione Ambientale del Parco Nazionale del Gargano rivolto agli studenti della scuola primaria per l’anno scolastico 2012/2013 che, nei prossimi mesi,vedrà coinvolti ben 1119 bambini di 53 classi. L’Ente Parco Nazionale del Gargano consapevole del ruolo fondamentale svolto dalla scuola nella formazione delle coscienze e della cultura, si ritaglia con questo progetto un ruolo di intermediazione fra gli studenti e le istituzioni, per trasmettere agli studenti di Scuola Primaria i concetti della Eco-Sostenibilità e gli impegni per la diffusione di una cultura della tutela dell’ambiente come bene comune e valore trasversale.

“Parcogiochi” è un’iniziativa volta a creare reti di scuole che approfondiscano lo studio dell’ecosistema bosco e dell’ambiente marino e ciò che maggiormente ne costituisce una minaccia, al fine di realizzare attività di tutela dell’ambiente in collaborazione con il Parco Nazionale del Gargano. I bambini verranno guidati attraverso le attività educazione ambientale alla scoperta ed alla conoscenza del proprio territorio ed alla comprensione dei comportamenti utili alla protezione e alla gestione della natura. Le scuole aderenti all’iniziativa individueranno un albero, un bosco o un ambiente marino da adottare, ne studieranno la storia, le caratteristiche e le funzioni ed impareranno ad averne cura e a tutelarlo.

“Il grande entusiasmo ed il profondo interesse manifestato dai giovani studenti sono vere ed incommensurabili risorse per il futuro del nostro Gargano – dichiara il Presidente dell’Ente Parco, Avv. Stefano Pecorella-. La calorosa accoglienza del mondo della scuola è uno stimolo per tutti, in primis per me, a continuare ad impegnarsi e lottare per la tutela e la valorizzazione del nostro territorio e della sua area protetta. Solo sconfiggendo l’ignoranza si può vincere una battaglia di civiltà. Dunque, armiamoci di fame di conoscenza e di amore per la terra natia, valori che possono contribuire in maniera determinate a sconfiggere ogni attività speculativa volta all’impoverimento delle nostre comunità che produce pessimismo e la conseguente fuga di giovani e validi cervelli”. Il percorso didattico si svilupperà in cinque fasi: attività in aula e laboratorio sulla tutela e la salvaguardia della biodiversità del Parco del Gargano e dell’arcipelago delle Isole Tremiti; attività sul campo per comprendere il significato di biodiversità; attivazione del concorso “Parcogiochiamo 2013, in cui i ragazzi dovranno realizzare materiali quali cartelloni, collages, cd rom, poesie, quaderni o quant’altro possa raccontare il percorso fatto insieme. Le scuole dovranno, dunque, produrre degli elaborati artistici, letterari o di altra natura che rappresentino il bosco o l’area marina adottati, le sue funzioni, le minacce e le eventuali azioni di tutela. Gli elaborati saranno valutati da un’apposita commissione che sceglierà il lavoro migliore e verranno poi esposti in occasione dell’evento finale del progetto che si svolgerà a Manfredonia presso il Castello Svevo a conclusione dell’anno scolastico. La scolaresca vincitrice sarà invitata a partecipare all’evento conclusivo dell’iniziativa e partirà per un viaggio premio.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici