«È un fenomeno naturale la schiuma alle Tremiti»

Isole-TremitiTutta naturale la causa della schiuma biancastra che tra giugno e luglio ha fatto preoccupare bagnanti e stabilimenti marittimi lungo il litorale adriatico, dalle Tremiti al Gargano in particolare. A mettere da parte l’ipotesi inquinamento è il biologo marino dell’Università del Salento e Cnr-Ismar Ferdinando Boero che correla la schiuma allo «sbattimento» ondoso delle salpe che a migliaia sono tornate nel basso Adriatico, dopo 15 anni di assenza. Tra maggio e giugno hanno invaso le coste pugliesi e «banchettato» col fitoplancton sviluppatosi nei mesi invernali.

Di aspetto simile a serpenti marini, trasparenti, i tunicati planctonici, sono invertebrati filtratori assolutamente inoffensivi e gelatinosi, della stessa consistenza delle meduse. Questa specie marina usa riprodursi formando una lunga catena fino a sette metri. Dopo la riproduzione la catena d’origine muore, mentre gli esemplari partoriti avviano un nuovo ciclo di incatenamenti. La schiuma che ha recentemente caratterizzato lo specchio marino tra le Tremiti e il Gargano, secondo l’esperto dell’Università del Salento e Cnr-Ismar, «è un fenomeno di sfaldamento massivo nell’ecosistema marino, dovuto alla diffusa presenza di salpe morte agitate e scosse dal moto ondoso. Resta un mistero, quest’anno come nel 1998, il motivo dell’arrivo a miliardi di esemplari e della scomparsa di queste creature marine dopo un mese. A segnalare la fine dell’invasione dei tunicati – conclude Boero – è proprio la schiuma a mare, una sorta di brodo di salpe in sfaldamento».

Boeri si occupa anche del fenomeno meduse. Infatti, dalla Liguria al Salento, senza risparmiare le isole maggiori: Sardegna, l’Elba e Sicilia, anche in una estate poco calda come quella in corso, le meduse non risparmiano i mari italiani, come del resto tutto il Mediterraneo e gli oceani. Fioccano negli ultimi dieci giorni le segnalazioni di meduse, urticanti e non, da parte dei cittadini-sentinella sul sito «meteomeduse.focus.it». Si tratta di «un esperimento di scienza dei cittadini – sottolinea Boero – che coinvolgendo e informando i bagnanti sulle meduse, stimola l’alfabetizzazione sui temi ambientali, azione su cui anche l’Unione Europea si sta orientando dopo aver constatato che non c’è cultura della natura in Europa». Solitamente il profilare delle meduse, ricorda il biologo marino, viene associato al surriscaldamento globale ma quest’anno, con l’estate che arranca nel Vecchio Continente, vediamo che «la causa prevalente è l’eccesso di pesca. Abbiamo depauperato le specie ittiche che si nutrono di plancton; ci sono meno larve e le meduse hanno pertanto meno concorrenti per la loro dieta. E così crescono e si moltiplicano. La novità, come avvenuto per i funghi, è che i bagnanti hanno preso confidenza con queste specie marine, sanno ad esempio che quelle più urticanti hanno lunghi tentacoli, e arrivano ad apprezzare la bellezza degli esemplari innocui». I gourmet persino il gusto, con chef stellati che portano le meduse a tavola.

1 Commento

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici