Varano Lake Triathlon, tre giorni tra nuoto, bici e corsa

varano-lake-triathlonIl grande Triathlon torna in Puglia. Dal 20 al 22 settembre infatti il Gargano ospiterà il «Varano Lake Triathlon», manifestazione agonistica che si svolgerà intorno al lago di Varano tra i comuni di Cagnano, Carpino e Ischitella. Nella sala giunta del Coni puglia allo stadio «Della Vittoria» l’iniziativa è stata presentata alla stampa.

LE GARE – La manifestazione si comporrà di diverse gare, ma le più importanti saranno sicuramente la «Tri 112,9» che partirà domenica alle ore 9.00 e la «Triathlon extreme», una sfida solitaria di Andrea Di Giorgio che percorrerà oltre 260 km tra nuovo, bici e corsa. Più abbordabile invece la Triathlon supersprint, con distanze ridotte e iscrizione aperta anche ai ragazzi dai 16anni in su. «La prima edizione dello scorso anno è stata un successo – sottolinea Michele Falco, presidente della Varano Lake Triathlon e organizzatore dell’evento – Sono arrivati ben 280 atleti. Quest’anno contiamo di superare i 350. Sappiamo già di partecipanti provenienti da nazioni come Australia, Austria, Slovenia e Repubblica Ceca». Dietro l’evento anche una organizzazione imponente: «Gestiamo un’area di oltre 170 km quadrati, che coinvolge anche tre comuni del Gargano. Immaginate quindi l’organizzazione necessaria grazie anche ai tanti volontari che hanno deciso di aiutarci».

TRIATHLON E SUD – «Il problema del Triathlon nel mezzogiorno non è quello del numero delle manifestazioni – fa notare Claudio Meliota, presidente della Federazione Italiana Triathlon Puglia – Solo a settembre avremo tre gare nel giro di 3 settimane. Quello che mancano sono i partecipanti: il 70% degli iscritti a questa disciplina è sull’asse Torino, Milano, Venezia, e troviamo difficoltà ad attirare gli atleti. Speriamo – conclude Meliota – che siano in molti a partecipare quest’anno, perchè lo scenario del Gargano, con collina, mare e lago, rappresenta un unicum straordinario».

TURISMO – Ma la gara sportiva potrebbe essere solo il volano per l’economia di un intero territorio, come sottolinea Filippo Merolla, assessore al turismo di Ischitella: «Questo evento va tutelato e ripetuto ogni anno. Il territorio trae benefici enormi da queste iniziative. Specie dal punto di visto turistico: quasi tutti i turisti, passato il 15-20 agosto, vano via». Sulla stessa linea il presidente del Parco Nazionale del Gargano, Stefano Pecorella: «È importante coniugare sport, natura e promozione del territorio. Il Gargano ha già avuto oltre 4 milioni di presenze nel 2012, e queste manifestazioni possono avere un effetto moltiplicatore positivo, specie perchè coinvolge molto le famiglie e i giovani».

Domenico Grimaldi

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici