«Altro di me», Katia Ricciarelli si racconta alla sua Rodi

Ricciarelli_altro-di-meIeri alla tradizionale processione di San Rocco che ha animato le vie di Rodi Garganico, è seguito il concerto del gruppo dei Santarosa che ha intrattenuto nel centro cittadino il pubblico prima dei fuochi pirotecnici incendiati sul lungomare di levante. Oggi i solenni festeggiamenti in onore del Santo proseguiranno nel pomeriggio con il tradizionale palo della cuccagna in piazza Rovelli e stasera sul piazzale adiacente il porto turistico, con lo spettacolo della cittadina onoraria Katia Ricciarelli e i fuochi d’artificio che concluderanno la manifestazione.

La sua parola evoca nostalgia, come il canto che arriva da oltre un muro, da un’altra stanza, da un altrove. La musica allontana il dolore, accompagna grandi rimpianti. Rende veri i sogni”. Vittorio Sgarbi (dalla prefazione di “Altro di me non saprei narrare” di Katia Ricciarelli – Aliberti editore).

“Altro di me…” è il nuovo spettacolo di Katia Ricciarelli e del tenore Francesco Zingariello, scritto a quattro mani da Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime e diretto dal regista Marco Mattolini. Non si tratta di un concerto di musica lirica nel senso stretto del termine, ma un vero e proprio spettacolo teatrale che, con la partecipazione di un corpo di ballo d’eccezione e di uno straordinario ensemble strumentale, si ripromette di raccontare, attraverso la musica e frizzanti dialoghi tra i protagonisti, la storia del soprano e in qualche modo far rivivere sul palcoscenico le emozioni che la vita in questi anni le ha regalato.

Parlerà di sé, dialogando con un giovane tenore che è venuto a farsi ascoltare da Lei, gli racconterà la sua vita, la sua arte, i suoi amori, con la grazia e la solare schiettezza che la contraddistinguono, con ironia e competenza, con distacco e passione. Canterà attingendo dai generi più disparati (dalla lirica al musical, dalla canzone d’autore al repertorio della tradizione partenopea e non, dal pop alle citazioni d’epoca) come elementi strutturali del suo racconto, dedicando brani scelti con amore e per amore di persone a lei care. Duetterà con Francesco Zingariello, accompagnati da un ensemble musicale di grande livello, lasciando che, in altri momenti la splendida voce del tenore la aiuti a celebrare ricordi, atmosfere, ambiti teatrali e musicali. Evocherà situazioni, contesti e suggestioni della sua vita anche attraverso momenti coreografici e immagini reinventate artisticamente.

Lo spettacolo è di Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime e proprio Costanzo commenta così il recital: “Katia Ricciarelli mi regalò una copia del suo libro “Altro di me non saprei narrare” chiedendomi di leggerlo pensando alla possibilità di far nascere uno spettacolo teatrale, un recital. Mi disse anche di parlarne ad Enrico Vaime, mio sodale in queste incursioni teatrali. Ne parlai a Vaime. Fummo ambedue convinti che potesse nascere un recital interessante e ne parlammo a Marco Mattolini che, di molte tra le incursioni di cui sopra, è stato nostro complice. Quindi: c’erano gli autori e c’era il regista che avrebbe confezionato, da par suo, lo spettacolo. Devo dire che, settimana dopo settimana, ho visto crescere questo spettacolo, scoprendo anche, dai racconti di Katia, interessanti integrazioni a pagine del libro. Divertendoci inoltre, non possiamo dire di no, all’antica questione che contrappone il soprano al tenore. Anche qui, insieme a Katia c’è un tenore e ci sono musicisti e ci sono ballerini. Vorrei anche aggiungere che questo recital è molto più che un’occasione di teatro, perché è anche una inedita confessione di una grande artista come Katia Ricciarelli, che non ha alcun problema – come è giusto che sia – a farsi conoscere, a dire di sé cose più nascoste e private. Nel congedare questo spettacolo, affidandolo al vostro giudizio, sono certo che Katia Ricciarelli altro di sé ha saputo narrarlo”.

Si prospetta insomma uno spettacolo ricco di toni e atmosfere variegate, sull’onda di ricordi senza nostalgia, ma con lo sguardo rivolto al presente e proiettato ad immaginare il futuro.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici