Al «Tridente» della lega navale sipontina la quarta edizione regata dei trabucchi

regata-trabucchiE’ andata in archivio anche la IV Regata dei Trabucchi, la competizione che dà ufficialmente il via alla stagione sportiva della sezione LNI di Manfredonia. 14 le imbarcazioni iscritte alla costiera disputata sabato 22 giugno sulla lunghezza delle 40 miglia, la distanza tra i porti di Manfredonia e Rodi Garganico. In numero inferiore, per via di alcuni ritiri, gli equipaggi che hanno preso parte alle due prove su boe per complessive 6 miglia (di cui solo una disputata per mancanza di vento) previste per domenica mattina nello specchio di mare antistante il Marina di Rodi. Il trofeo challenge “Regata dei Trabucchi”, assegnato alla società di appartenenza dell’imbarcazione prima classificata in tempo compensato orc nella classifica over all redatto in base alla somma dei piazzamenti registrati in entrambe le regata, è stato vinto dalla Lega Navale di Manfredonia che ha portato a casa anche il trofeo Marina di Rodi.

L’imbarcazione che si è classificata al primo posto è Tridente, il GS 39 dell’armatore Roberta Manfredonia timonato dal Fratello Franco, seguita dal GS 40 Indigo, dell’armatore Lorenzo Di Candia con al timone il figlio Michele (a lui la targa Coni destinata al timoniere più giovane) e da Rubens, il first 34.5 armato e timonato da Salvatore Di Corato (LNI Foggia), terzo classificato.

Alla cerimonia di premiazione, coordinata dal consigliere agli sport Matteo Troiano coadiuvato da Sandro D’Onofrio, hanno partecipato il sindaco di Rodi, Nicola Pinto, accompagnato dagli assessori Carlo Vallese e Salvatore Saggese; il comandante della delegazione della capitaneria di porto, m.llo Domenico Stefania; il segretario della Fiv VIII Zona Lino Lattanzi; il giudice federale Giacomo Infante presidente del comitato di regata composto da Matteo Riccardi e Claudio Pecorella; la direttrice del marina, Adelaide Coacci; l’a.u. del Centro Nautica Gargano, Antonio Lapomarda, con sede a Vico, che ha messo a disposizione due potenti Legar 670 per le operazioni di assistenza a Rodi affidate a Matteo Segreto (coordinatore), Antonio Pellico, Mimmo Nenna, Michele Totaro.

Sabato pomeriggio tutti i partecipanti sono stati ospiti dello yacht club Edificio 15 che ha preparato il cocktail di benvenuto servito al bar; mentre il buffet di domenica sera offerto dalla lega navale di Manfredonia, grazie alla squisita ospitalità della titolare Anna Maria Fantozzi, è stato servito sulla incantevole terrazza della struttura con suggestiva vista sulla marina e sulle caratteristiche case di Rodi incastonate sul costone. Il fotografo ufficiale, Nicola Muscatiello, ha immortalato ogni momento della regata, dalla inusuale, romantica e temeraria partenza notturna (quest’anno rischiarata dalla luna che aveva appena iniziato la fase calante) agli arrivi di domenica, dalle concitate fasi della prova su boe, alla cerimonia di premiazione. Gli occhi sono ora puntati all’organizzazione ben più impegnativa e onerosa dell’evento sportivo di settembre, la Regata del Gargano, valida come prova del campionato zonale e regata conclusiva del giro di Puglia grande altura.

Anna Maria Vitulano

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici