Regione Puglia approva programma triennale istruzione tecnica superiore

aula scolasticaSu proposta dell’Assessore al Diritto allo studio e alla Formazione, Alba Sasso, la Giunta Regionale ha approvato la prossima programmazione triennale della Puglia concernente gli istituti tecnici superiori, i percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore ed i poli tecnico-professionali.

“Si tratta – dice l’assessore Sasso – di uno strumento fondamentale per promuovere e sviluppare, a partire dalle esperienze già maturate, un offerta formativa terziaria integrata e di qualità, coerente con gli obiettivi di Europa 2020: “più formazione specialistica per rafforzare le politiche e le dinamiche occupazionali del territorio”.

“Incentivare un forte raccordo tra l’innovato sistema di istruzione e formazione tecnica superiore ed il sistema produttivo è essenziale – continua l’assessore – per promuovere lo sviluppo sostenibile del territorio pugliese. Occorre, pertanto, investire nella realizzazione di una filiera formativa capace di confrontarsi ed interloquire con il sistema di imprese e di individuare le opportunità che possono offrire i diversi settori produttivi, sia in termini di acquisizione di competenze e di orientamento al lavoro, sia in termini di potenzialità occupazionali”. In particolare, in un’ottica di generale potenziamento e qualificazione dell’istruzione tecnica e professionale, la Regione ha inteso avviare il nuovo processo di programmazione 2013-2015, garantendo, da un lato, la continuità ed il potenziamento dei percorsi ITS ed IFTS avviati nelle precedenti programmazioni e prevedendo, dall’altro lato, la costituzione di due nuovi Istituti Tecnici Superiori in aree tecnologiche ritenute strategiche per le politiche di sviluppo regionali e coerenti con i fabbisogni professionali emergenti, quali “Tecnologie innovative per i beni e le attività culturali-Turismo” e “Mobilità sostenibile” .

Analisi di contesto a cura dell’Osservatorio dei sistemi di istruzione e formazione hanno, appunto, individuato nei settori del turismo e dei trasporti filiere produttive strategiche che presentano interessanti spazi di crescita ad alto potenziale innovativo e occupazionale ed evidenziato la necessità di investire in capitale umano altamente specializzato, atto ad esaltarne l’innovatività e la competitività. Il carattere strategico per le prospettive di sviluppo regionale dei settori del turismo e della logistica, sottolinea la Sasso, è comprovato anche dalla presenza del Distretto Produttivo del Turismo Puglia e dal Distretto della Logistica Pugliese, che testimoniano la particolare capacità di aggregazione dei due settori sul territorio regionale, che può rappresentare un ulteriore fattore di garanzia del successo dell’iniziativa.

“Che puntare sulla formazione tecnica specialistica sia, anche in tempi di crisi, un investimento vincente – conclude l’assessore – lo dimostrano i fatti: un’elevata percentuale dei primi tecnici superiori diplomatisi quest’anno in Puglia hanno già ottenuto un contratto di lavoro”. Al fabbisogno finanziario necessario per l’attuazione del Piano triennale si provvederà con risorse del POR FSE e risorse ministeriali a valere su apposito fondo.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici