Concorso musicale del Conservatorio: vincono Mancini e Papagna

conservatorioIl Conservatorio di Rodi Garganico (sede distaccata del Giordano di Foggia) una realtà che, dal 1980 anno della sua istituzione, ha compiuto passi da giganti. Le prime classi furono: pianoforte, violino, violoncello e da subito gli venne affiancata la scuola media annessa. Oggi è praticamente grande quanto un Conservatorio di provincia, infatti vi sono oltre trecento allievi, cinquantadue docenti; corsi attivi: armonia e contrappunto, canto, chitarra, clarinetto, contrabbasso, corno, didattica della musica, flauto, piano.

A distanza di cinque anni è stato organizzato dall’Associazione musicale “Officina delle Musa” di Ischitella, dopo cinque anni di assenza, un concorso al quale si sono iscritti più di quattrocentocinquanta allievi, e che è stato articolato per due sezioni: uno per le scuole medie ad indirizzo musicale; l’altra dedicata a tutte le categorie d’età. Hanno partecipato le scuole: Istituto comprensivo “Libetta” di Peschici (vincitrice della sezione orchestre), Scuola media “Dante Alighieri” di Lucera, Istituto comprensivo di Pian del Bruscolo di Tavullia (Pesaro), Scuola Media Dante Alighieri di Lucera, Galileo Galilei di Pezze di Greco (Brindisi), Scuola Media Ettore Fieramosca di Barletta, Istituto comprensivo “Perotto – Orsini” di Manfredonia, Scuola Media “Murialdo” di Foggia, la scuola “Beato Padre Pio” di San Severo e l’”Alfieri” di Foggia.

Componenti della commissione: direttore Artistico Peppino Spagnoli; commissari: Michele Castelluccia, Matteo Bevilacqua, Michele Milone, Matteo Grifa, Marina Marino, Teresa Salvemini, Giovanni Battista Iacovone.

Vincitori assoluti della manifestazione e del concerto offerto dall’Amministrazione comunale di Rodi Garganico sono risultati ex equo: il saxofonista Marco Mancini di Foggia e il pianista Pietro Papagna di San Marco in Lamis. Concluso anche presso l’auditorium dello stesso conservatorio con il gruppo di fiati “Melos” la prima edizione della rassegna concertistica denominata “I concerti di primavera”, diretto da Michele Castelluccia. Il ciclo di concerti tenuti ha visto esibirsi docenti ed allievi della stessa istituzione con la partecipazione in alcuni casi anche di orchestre formate da studenti.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici