«Se il fischio del treno ti disturba, si può picchiare macchinista»

Ferrovie del Gargano«Il fischio del treno ti disturba? E’ comprensibile picchiare il macchinista». E’ questo il paradossale assunto che scaturisce dalle motivazioni insite nella richiesta di archiviazione prodotte dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Lucera, per l’esposto presentato dal macchinista delle Ferrovie del Gargano che, il 13 Agosto 2012 alle ore 0.10 presso la stazione di Rodi Garganico, ha subito una brutale aggressione dal proprietario di un albergo situato nelle vicinanze dello scalo ferroviario, “esasperato ” dai segnali acustici di attenzione emessi dal treno nell’approssimarsi alla fermata.

U n’argomentazione che lascia esterrefatti soprattutto se si tiene conto del fatto che l’uso del fischio in quella tratta non è un capriccio del macchinista, ma un obbligo regolamentare a tutela delle persone che si trovano nei pressi della stazione. Come Organizzazione Sindacale del settore dei trasporti non possiamo che stigmatizzare l’episodio, soprattutto in considerazione del fatto che atti di aggressione fisica nei confronti del personale impegnato nello svolgimento di un pubblico servizio, negli ultimi tempi si sono moltiplicati. Risulta altresì incomprensibile l’atteggiamento dell’aggressore il quale, in qualità di gestore di un’attività turistica, dovrebbe apprezzare e valorizzare un servizio, quello offerto dalle FdG nelle ore serali dei mesi estivi, a disposizione dei turisti che si muovono lungo le località della riviera Garganica. Un episodio assurdo il cui epilogo viene fortemente contestato dalle organizzazioni sindacali che rimarcano anche il gesto dell’aggressore.

Francesco Mastropaolo

1 Commento

  1. NON disturbate la quiete , lasciate in pace le persone in casa, almeno nelle case non date stress alla gente, le trombe dei treni sono a 150 decibel, non è il clacson piccolino della macchina, a siate civili che in questo paese spesso la civiltà non sapete neanche dove sta di casa, è evidente che siete dei disturbatori..io sono un disabile e non sto nemmeno in quiete in casa mia, pertanto il giudice vi ha dato torto, lote.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici