Operazione «Piazza Pulita», terminata la conferenza stampa dei carabinieri

carabinieri

Sono state le continue richieste di intervento da parte dei cittadini che si sentivano espropriati della piazza a dare il via all’operazione che ha portato a cinque misure cautelari per cinque giovanissimi incensurati di Rodi Garganico. Uno di loro (V. M. classe 1986), finisce in carcere, gli altri (D. L. classe 1983, D. F. B. P. classe 1987, V. G. classe 1988, V. L. classe 1979) ai domiciliari.

Quasi come fosse un’attività industriale e seriale, spacciavano dalla mattina alla sera, in una rete di vie strettissime e in alcuni casi percorribili solo a piedi, una sorta di Università dello spaccio – come l’ha definita il procuratore Seccia – fatta di segnali in codice e fischi, che è stato possibile fermare grazie ad una intensa attività effettuata dai Carabinieri della Compagnia di Vico del Gargano e diretti dalla procura presso il tribunale di Lucera. Monitoraggio, pedinamenti e video osservazioni, partite proprio da quel continuo via vai in piazza Rovelli segnalato dai cittadini.

E’ stato accertato che il gruppo di ragazzi era dedito alla sistematica cessione al dettaglio di droga, cocaina, hashish e marijuana. Venti sono gli episodi di spaccio accertati e documentati grazie a riprese e pedinamenti che sono andati dal febbraio del 2012 a settembre 2012. Nel corso delle indagini un soggetto è stato deferito in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti (art. 73 comma 1 bis D.P.R. 309/1990) e dieci ragazzi del luogo sono stati segnalati alla Prefettura di Foggia ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 309/90, per uso di sostanze stupefacenti, tre dei quali sono stati altresì deferiti in stato di libertà per favoreggiamento personale (art. 378 c.p.), per aver fornito ai militari operanti, all’atto del controllo e del conseguente sequestro amministrativo dello stupefacente appena comperato, dichiarazioni false in merito all’acquisto.

“Un fallimento per la società – ha aggiunto Seccia – vista la giovanissima età dei cinque. La spia che il fenomeno in questo periodo di recessione è in continua espansione”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici