A Rodi Garganico lo Stato c’è

carabinieriDispiegamento di forze dell’ordine senza precedenti quello che si registra questa mattina nella città di Rodi Garganico. Numerose pattuglie dell’arma dei carabinieri presidiano le principali vie d’accesso ed i punti nevralgici della cittadina eseguendo controlli a tappeto sui mezzi in circolazione.

Lo Stato non ha tardato a far avvertire la propria pressante presenza dopo gli incresciosi fatti di cronaca che si sono verificati nelle ultime settimane e che hanno coinvolto dapprima il vicesindaco dimissionario Pino Veneziani (al quale è stata dolosamente bruciata l’auto; in precedenza era stato oggetto di altre minacce) e, per ultimo, l’ex sindaco Carmine D’Anelli (contro la cui abitazione è stato sparato un colpo di fucile calibro 12, penetrato nella stanza in cui soggiornava la sua famiglia).

Appena ieri nel corso di in un vertice in prefettura alla presenza del comandante dei carabinieri Antonio Basilicata, il prefetto Latella aveva invitato il sindaco Nicola Pinto e lo stesso d’Anelli ad abbassare i toni della polemica e a desistere dal mettere in atto azioni choc che contribuirebbero a destabilizzare il centro garganico.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici