Puglia: eliminata la tassa regionale sulla benzina

pompa-benzinaIl taglio di 3,10 centesimi a litro un rebus per i consumatori. Dal 1° gennaio entra in vigore la norma che elimina l’Irba. Ma i gestori possono anche trattenere il risparmio accampando oneri industriali.

Dal primo gennaio entra in vigore in Pu­glia la norma che elimina l’Irba (imposta regionale sulla benzina). Lo ha stabilito qualche giorno fa il Consiglio regionale approvando la legge di accompa­gnamento al Bilancio di previsione 2013. L’effetto è intuibile. La benzina – ma non gli altri carburanti, per i quali la disposizione non vale – dovrebbe costa­re di meno. Dovrebbe, in realtà, non è detto che le cose vadano in questo modo. Anzi è molto probabile che l’eliminazione dell’imposta vada ad esclusivo be­neficio dei gestori degli impianti e non degli automo­bilisti con vetture a benzina. Per lo meno, così anda­rono le cose due anni fa: come si documentò, sebbene fosse stata eliminata l’Irba, il prezzo della benzina non calò.

Ma facciamo un po’ di calcoli. L’Irba grava per cir­ca due centesimi e mezzo: per la precisione si tratta di 2,58 centesimi-su ogni litro. In realtà finisce per pesare qualcosa in più nelle tasche, visto che sui 2,58 centesimi andrà calcolata la relativa Iva al 21 %. Come è noto, infatti, la benzina è gravata dall’Iva (questa va allo Stato) che si calcola sul costo industriale somma­to alle relative accise: è l’effetto noto e paradossale di un’imposta calcolata su un’altra imposta. Ma torniamo alla Puglia e allo sconto fiscale: calco­lando l’accisa regionale più l’Iva, la benzina dal pri­mo gennaio dovrebbe costare circa 3,10 centesimi in meno al litro. Ma fare abbassare i prezzi non è affatto semplice. I gestori degli impianti tendono a trattene­re per sé quello che con l’accisa vigente – trasferi­scono alla Regione. Il perché è semplice. Fino a quan­do è stato in vigore il prezzo amministrato, il costo della benzina era fisso e uguale in tutti i distributori. Sarebbe stato facile, a quei tempi, pretendere di far scendere il prezzo al livello stabilito per via amministrativa. Ora il prezzo è libero e il gestore, cui si contestasse la mancata discesa del prezzo alla pompa, po­trebbe sempre giustificarsi accampando maggiori oneri industriali. La questione è perfettamente cono­sciuta alla Regione; che dal gettito dell’Irba incamera circa 14 milioni all’anno (Iva a parte).

Il governatore­ Nichi Vendola e l’assessore al Bilancio Michele Pelil­lo, infatti, hanno sempre mostrato resistenza all’idea di eliminare l’Irba, nella convinzione che non si trat­tasse di un vantaggio sicuro per i consumatori. Il Con­siglio regionale – auspice lo stesso Pelillo – ha deci­so diversamente. Difficile – spiegano gli specialisti – che nei pros­simi giorni di gennaio si possa invocare i controlli ad hoc della Guardia di Finanza a scopo di controllo. Non esiste una specifica convenzione con la Regione (come nel caso della sanità e dell’ambiente) e soprat­tutto (come detto prima) siamo in regime di prezzo libero. Che fare? Lo dovrebbero suggerire le associazioni dei consumatori. Aspettiamo. Un insegnamento, invece, arriva per la Regione. Ora che l’Irba è tolta sarebbe meglio non applicarla più, considerata la difficoltà nella fase di eliminazio­ne. Meglio sarebbe – nel malaugurato caso fosse ne­cessario azionare all’insù la leva fiscale – preferire le addizionali Irap o Irpef. Meglio ancora la tassa di cir­colazione, la più «regionale» delle imposte: in caso di necessità sarebbe più opportuno aumentare di qual­che euro il bollo-auto potendo contare sul fatto che, quando si decidesse di abbattere l’imposizione, lo sconto fiscale tornerebbe nelle tasche dei cittadini. Per ora si può dire che con l’eliminazione dell’Irba le casse della Puglia godranno di 14 milioni in meno. E che quei 14 milioni finiranno nelle tasche dei gestori delle pompe di carburante.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici