Attacco hacker alla Provincia di Foggia

hacker-foggiaChi visita in queste ore il portale ufficiale della Provincia di Foggia è accolto dall’inquietante maschera protagonista del film horror “Saw – L’Enigmista”, accompagnato da suoni, rumori, ghigni e urla di sottofondo ispirati al genere. Il sabotaggio del sito è anche rivendicato, immediatamente sotto l’immagine, da un sedicente Hamzah Uygun, appartenente, secondo quanto lui stesso scrive, alla rete dei “Morocco Hackers”. Sulla pagina è presente anche un link ad un profilo Facebook palesemente ispirato a battaglie filo-islamiste e a ideologie anti-semite.

Sconosciuti al momento i motivi del gesto e le contromisure adottate dall’ente dauno che non ha rilasciato ancora nessuna nota ufficiale al riguardo. Attualmente, peraltro, tutti gli altri portali delle province pugliesi non presentano segni evidenti di manomissione.

La parola “hacking” deriva dal verbo inglese “to hack”, che significa “intaccare”. In ambito strettamente informatico si può definire l’hacking come l’insieme dei metodi, delle tecniche e delle operazioni volte a conoscere, accedere e modificare un sistema hardware o software. Colui che pratica l’hacking viene identificato come “hacker”: il suo obiettivo è solitamente quello di acquisire un’approfondita conoscenza del sistema su cui interviene, per poi essere in grado di accedervi o adattarlo alle proprie esigenze. Tale atteggiamento assume maggiore rilevanza se si considera che di frequente le informazioni tecniche e le potenzialità di un sistema non vengono interamente rese note dal produttore, o addirittura in certi casi vengono volutamente occultate e protette (per motivi industriali e commerciali o per tutelarne la sicurezza e l’affidabilità).

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici