Anche a Rodi è scattato il click day per «6000 campanili»

corso-giannoneDalle 9 di questa mattina è scattato il click day per il programma ‘6.000 campanili’ voluto dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, e destinato ai circa 6.000 Comuni italiani sotto i 5.000 abitanti. I Comuni interessati, o le unioni di Comuni in caso di realtà molto piccole, hanno inviato al sito dell’Anci i progetti di infrastrutture con le relative richieste di contributo pubblico. L’accettazione, fatta salva la verifica della congruità della documentazione presentata, verrà stabilità dall’ordine cronologico di arrivo delle richieste. Lo rende noto il ministero delle Infrastrutture in un comunicato.

Appena attivato il sistema, anche dal Comune di Rodi Garganico è partita la pratica telematica con una richiesta di finanziamento dell’importo di 1 milione di euro per i lavori di ripristino del camminamento di Corso Giannone e di consolidamento del sottostante muro di contenimento, giusta delibera di Giunta Comunale n. 187 del 16 Ottobre 2013. L’assegnazione del finanziamento andrebbe ad integrare un primo stanziamento di 600 mila euro deciso dall’amministrazione comunale e comporterebbe il recupero dell’area di pregio paesaggistico, vera e propria finestra sul mare che consente di allungare lo sguardo fino a scorgere le sinuose linee dell’arcipelago delle Isole Tremiti, che è attualmente transennata e sotto costante monitoraggio a seguito del movimento franoso verificatosi alla fine del 2010 che ha determinato anche l’emissione di alcune ordinanze di sgombero e la citazione in giudizio di Acquesotto Pugliese SPA.

Il Programma “6000 campanili”, che ha visto coinvolti nella sua attuazione il ministro delle Regioni Graziano Del Rio e l’Anci guidata dal sindaco di Torino Piero Fassino, prevede interventi infrastrutturali di adeguamento, ristrutturazione e nuova costruzione di edifici pubblici (compresi gli interventi relativi all’adozione di misure antisismiche), ovvero di realizzazione e manutenzione di reti (viarie e infrastrutture accessorie e funzionali alle stesse o reti telematiche di Ngn e Wi-Fi), nonché di salvaguardia e messa in sicurezza del territorio.

Ai 100 milioni di euro stanziati a favore del Programma dal decreto legge n. 69/2013 (‘decreto del fare’), la legge di stabilità ha aggiunto ulteriori 50 milioni di euro per l’anno 2014.

Si tratta, sottolinea Lupi, ”di piccole opere dell’importo tra i 500mila euro e il milione, ma molto importanti per queste realtà. Sono interventi di significativa e diffusa riqualificazione del territorio e in grado rimettere in moto un’economia locale del settore fatta di piccole e medie imprese. Il nostro impegno, come governo e come ministero, è quello di fare il possibile per riportare il Paese in crescita: quindi grandi opere, ma anche piccole e medie con attenzione la più mirata possibile al territorio”.

2 commenti

  1. Tutto bene, spero che vi ricordiate anche de Lido del Sole, che fa anche parte del Comune di Rodi Garganico, quindi paga tutte le tasse e imposte, ma viene ignorato quando si tratta di apportare servizi.

  2. GRANDE IMPEGNO DELL’ AMMINISTRAZIONE PINTO PER RECUPERARE FONDI CHE NON INCIDONO SUL GIA’ DISSESTATO BILANCIO COMUNALE!!!!! ANDATE AVANTI COSI’!!!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici