Tutela dell’olio di oliva nasce il progetto Pivolio

olioTutelare l’olio extravergine di oli­va dalle frodi e dalle contraffazioni, per rendere altamente competitivo il prodot­to, più consapevole il consumatore e per aiutare in maniera concreta l’economia ed il territorio. Nasce con questi auspici Pi­volio (Processi Innovativi per la valoriz­zazione dell’olio extravergine di oliva nelle province di Bari e Foggia), il progetto fi­nanziato dal Ministero dell’Istruzione del­l’Università e della Ricerca con 4 milioni di euro che mette in sinergia l’Università de­gli studi di Bari, l’Università del Salento, il Cnr (Istituto di Fisiologia Clinica) di Lecce, il Cra-Oli (Centro di ricerca per l’olivicol­tura e l’industria olearia) di Rende (Co­senza), il Consorzio Carso, Oliveti Terra di Bari e Apuliabiotech.

Oggi, alle 11, presso Villa Romanazzi Carducci, a Bari, si terrà l’incontro di presentazione dell’iniziativa. Interverranno Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sindaco di Bari, Fabrizio Nardoni, asses­sore Risorse agroalimentari Regione Pu­glia, Elana Gentile, assessore al Welfare Regione Puglia, Alessandro Ambrosi, presidente della Camera di Commercio di Bari e Pino Gesmundo, segretario ge­nerale Cgil Bari. I dettagli tecnici del pro­getto saranno illustrati da Gennaro Si­colo (Oliveti Terra di Bari), Francesco Paolo Fanizzi (Università del Salento), Antonio Moschetta (Università di Bari), Francesco Paolo Schena (Consorzio CARSO), Maria Annunziata Cartuccio (Cnr lecce), Enzo Perri (Cra-Oli), Gio­vanni Cacciapaglia (Apuliabiotech).

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici