Pioggia e neve salvano la Puglia dalla siccità

diga-di-occhito«Le piogge e il maltempo di questi giorni, hanno portato benefici nella disponibilità idrica della nostra Regione. In un solo giorno abbiamo raccolto oltre 22 milioni di metri cubi in tutti i principali invasi. Ora è più che mai indispensabile il risparmio idrico, ad evitare che nelle prossime annate idrologiche si possa ripetere lo stato di pre-emergenza del 2012, o quello di emergenza di alcuni anni precedenti, fonte di notevoli conflitti tra le esigenze idropotabili e quelle agricole pugliesi». È quanto ha affermato l’assessore regionale alle opere pubbliche e protezione civile, Fabiano Amati sottolineando lo stato di grazia, per la quantità d’acqua contenuta, dei notti invasi e che fanno ben sperare per il futuro.

«Le precipitazioni che hanno interessato la Puglia e le regioni vicine nelle scorse giornate – ha spiegato Amati – hanno comportato un significativo incremento di tutte le fonti di approvvigionamento idrico. Solo per fare un esempio, si osservi il dato registrato al pluviometro di Caposele nel mese di febbraio: sono caduti 175 mm di pioggia totale, che significa aver già superato il dato medio dell’intero mese, pari a circa 133 mm, grazie agli oltre 70 mm di pioggia delle ultime 24 ore. Cumulando questo dato agli apporti dei mesi precedenti, si evidenzia una crescita del tributo delle sorgenti del Sele-Calore (circa 800 litri al secondo in più rispetto al tributo registrato lo stesso giorno dello scorso anno). Una quantità d’acqua in grado di far recuperare il grave deficit che si è verificato nel 2012».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici