Piana di Calenella addio!

calenellaGuardatela adesso la piana di Calenella, guardatela così per l’ultima volta questo quadro dipinto da Dio. Libera, priva di cemento, guardatela prima che due piani di calcestruzzo guardino voi dall’alto in basso. Prima che il canale, che segna la piana, si trasformi in Sand Creek, la ballata di Fabrizio de Andrè:”…quando il sole alzò la testa tra le spalle della notte c’erano solo cani e fumo e tende capovolte”.

Questa piana dei misteri e dell’archeologia, raccontata con fiumi di inchiostro e amore. Filippo Fiorentino: “…si esprime la fusione tra paesaggio naturale e paesaggio umanizzato…” e prima di lui altri, il vichese Giuseppe del Viscio e Raffaello Battaglia dell’Università di Padova.

Non è pessimismo, è tradizione e traduzione di quanto già avvenuto, con gli scempi di San Menaio, della 167 a Vico, delle manomissioni del centro storico, ecc, ecc. Nella piana di Calenella non è difficile prevedere che dopo il primo intervento arriverà il secondo, e poi il terzo, e via, via diremo addio alla piana senza capire come evolverà l’intero comparto di Calenella, segnato e diviso dalla statale 87 e, su questa divisione e distinzione, il dibattito politico vichese si è sempre espresso contro ogni intervento nella piana.

La nuova ballata non avrà l’accompagnamento della chitarra, ma il ritmo dei martelli pneumatici e il rombo degli autocarri-betoniere. “Bisogna lottizzare” raccontano gli ultimi Unni, “è benessere; è sviluppo, è lavoro, non importa se sull’argine del canale”. I fatti e i morti per dissesto ambientale in Liguria, alle Cinque Terre; in Campania, nei comuni di Quindici, Sarno, Braciliano; in Puglia, a Marina di Ginosa; ed in queste ore in Sardegna, ad Olbia, che conosco bene per aver partecipato come specialista dell’Aeronautica al collaudo e alla omologazione dell’aeroporto di Costa Smeralda, non insegnano nulla.

Né riceviamo risposta alle nostre domande: “perché costruire opere di attenuazione del rischio, e quindi altro cemento, invece di evitare il rischio?” Ed ancora: “può una esigua minoranza numerica appropriarsi di un bene comune come il paesaggio e cementificarlo per interesse privato?”. Non ci aspettiamo risposte da questa muta, sorda e complice maggioranza di Consiglio comunale. Non si possono avere risposte da chi ti risponde con un sorriso idiota stampato sulla faccia da idiota. Non sanno che il foro boario, Calenella, San Menaio, il PUG approvato ieri, contiene gli stessi rischi della Sardegna. Sarà la Natura, ancora una volta, a reagire e sistemare le cose con alluvioni e distruzione, in attesa delle Autorità di controllo del territorio.

Michele Angelicchio

6 commenti

  1. Carla Gorga

    La natura deturpata prima o poi presenta il conto..

  2. MariaPia Dilalla

    Non possiamo permetterlo!!..Chi ha deciso questo e perchè?????????

  3. E’ una vergogna…. ma la natura poi farà la sua parte…….

  4. No l’ultimo pezzo del gargano selvaggio.e’ un posto magico si vede l’alba e il tramonto la spiaggia da a nord ho passato intere estati accampato nella spiaggia.non potete solo adesso capisco mario il fruttivendolo giovanni il salumiere mario il bagnino michele il matto paolo il boscaiolo ecc ecc non permettete tutto questo non permettetelo calenella non e’ per tutti non e’ un posto da elite’ e’ un posto semplice ma pieno di persone vere….

  5. ma si legge nelle controdeduzioni fatte dal comune in merito alle osservazioni esposte dai cittadini sul pug che il villaggio non si farà più!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici