Eolico offshore, costituto esecutivo associazioni di Capitanata

eolico-offshoreSi è svolto venerdì 25 ottobre un incontro del Coordinamento delle Associazioni di Capitanata impegnate per scongiurare l’insediamento invasivo delle pale eoliche nel mare del Golfo di Manfredonia e del Gargano, per salvaguardare e valorizzare le risorse e le potenzialità naturali ed ambientali del Territorio.

Nel corso dell’incontro tutti gli intervenuti hanno ribadito che l’Assemblea pubblica tenutasi il 19 ottobre per discutere e valutare i progetti di insediamento di pale eoliche nel nostro mare, ha rappresentato per la città di Manfredonia e per la Capitanata un’importante e significativa pagina di democrazia e di partecipazione.

L’iniziativa ha raggiunto i risultati che da essa le Associazioni si attendevano, ovvero una notevole presenza di cittadini che in circa 200 hanno seguito l’illustrazione tecnica dei progetti “eolici offshore” in questione ed il successivo dibattito.

Le Associazioni esprimono rispettosa gratitudine all’Arcivescovo Monsignor Michele Castoro, per la condivisione delle preoccupazioni e per le chiarissime parole: “…lo sviluppo economico non può giustificare scelte non rispettose dell’ambiente e della volontà delle popolazioni locali. Il nostro Golfo e la storia della nostra città, con le sue bellezze naturali, chiedono attività economiche coerenti e compatibili con la loro identità. Ogni iniziativa incompatibile con la vocazione naturale di questo territorio dovrebbe essere bandita”.

In relazione a quanto espresso da Sua Eccellenza l’Arcivescovo Michele Castoro circa le attività economiche “coerenti e compatibili” si ribadisce che nel caso in specie non solo si evidenziano la incoerenza e l’incompatibilità, ma addirittura è assente una qualsiasi prospettiva di sviluppo economico per le popolazioni del Territorio.

Tra tutti gli invitati delle Istituzioni assenti, il Sindaco di Manfredonia che ha fatto pervenire un messaggio contenente il suo pensiero sull’argomento nel quale tra l’altro si dice “…prenderemo in considerazione la possibilità di esprimere parere positivo soltanto nel caso sarà autorizzato un solo impianto e vi saranno anche benefici economici per la nostra comunità …”.

Nel merito le Associazioni non condividono affatto la posizione espressa dal Sindaco di Manfredonia e ribadiscono l’esigenza che venga presa in considerazione e rispettata la volontà delle comunità locali e che siano salvaguardate le nostre risorse naturali quale bene prezioso, insostituibile e basilare per promuovere le nostre autentiche potenzialità di crescita e di sviluppo.

La sottrazione di una notevole superficie di mare (circa 100 Km. quadrati) danneggerà irrimediabilmente e ulteriormente la già ridotta attività peschereccia del nostro Compartimento Marittimo. Un plauso a quei rappresentanti di Sindacati, Armatori e Pescatori che con la loro presenza hanno dimostrato di avere a cuore il futuro della pesca nel Golfo di Manfredonia.

Le Associazioni sono ora impegnate a dare stabilità e continuità alla loro azione di coordinamento. Pertanto, sulla questione specifica dell’eolico offshore nel nostro mare si ritroveranno a confrontarsi e a mobilitarsi con i cittadini promuovendo sit-in e iniziative varie per scongiurare le installazioni di impianti eolici offshore nel nostro Golfo e nel Gargano.

Le Associazioni, impegnate esse stesse in tal senso, auspicano che i soggetti imprenditoriali coinvolti e le Istituzioni diano luogo ad azioni ponderate e responsabili, che evitino l’accentuarsi di conflitti sociali difficilmente governabili, scongiurando il ripetersi nel nostro territorio di gravi situazioni di inagibilità e di tensioni già vissute su tematiche ambientali nel recente passato.

Al fine di supportare in modo funzionale le azioni decise, le Associazioni, con unanime consenso, hanno formalizzato la costituzione di un esecutivo che curerà gli adempimenti informativi, i contatti con ogni altro soggetto e la organizzazione dei futuri eventi di confronto e di mobilitazione.

Infine, a fronte di questa azione di responsabilità delle Associazioni, tesa a rendere i cittadini protagonisti in prima persona del proprio futuro, alcuni rappresentanti locali delle Istituzioni, dal Sig. Sindaco di Manfredonia, ai Sigg. Parlamentari e ai Consiglieri Regionali eletti nel collegio di Capitanata, per altro espressamente invitati, hanno purtroppo evidenziato con la propria assenza, l’incapacità di rappresentare le legittime esigenze dei cittadini che li hanno eletti.

Si ringraziano per la loro presenza il Sindaco di Rodi Garganico Nicola Pinto, i Consiglieri Regionali Giandiego Gatta e Giuseppe Lonigro, l’Autorità Portuale rappresentata da Gaetano Falcone, la Capitaneria di Porto di Manfredonia nella persona del T.V. Stefano Rotolo, l’Assessore al Turismo del Comune di Monte Sant’Angelo, Antonio Mazzamurro, il Consigliere Comunale Mimmo Scarano e il Coordinatore del PdL Francesco Santoro di Manfredonia.

Un ringraziamento particolare è rivolto al Direttore dell’Attacco Piero Paciello, moderatore dell’evento, all’Associazione Nazionale Carabinieri sez. di Manfredonia per il servizio d’ordine, ai giornalisti presenti in sala, alle emittenti televisive: Telenorba, Teleblu Foggia, Manfredonia TV e per le riprese video ad Andrea Colaianni.

a cura Comitato di Coordinamento delle Associazioni di Capitanata

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici