Traffico e sviluppo urbano: si discute in Consiglio Comunale

L’assise cerca strumenti per combattere l’abusivismo e rilanciare il turismo. Riflettori sui parcheggi e sul recupero architettonico del centro storico.

Il sindaco di Rodi Garganico, Nicola Pin­to, punta sulla pianificazione del tessuto ur­bano ed extraurbano al fine dello sviluppo economico e culturale.

Riferimento non può che essere il turismo, settore portante dell’economia rodiana per cui – ha spiegato il primo cittadino nel corso del consiglio comunale – un’analisi dei bisogni deve discendere dallo studio del settore nel rispetto dei caratteri ambientali paesaggistici del comprensorio, che, da soli, rappresentano la vera risorsa della città. «È evidente – ha sottolineato Pinto – che la politica non può attenersi ai canoni strettamente tecnici per indicare soluzioni e proposte, ma deve rifarsi a schemi generali di conoscenza per formu­lare programmi da realizzare sul territorio. Interventi urbanistici che devono rispondere ad una reale esigenza garantendo a tutti cit­tadini un’alta qualità della vita, per questo lo sviluppo urbanistico deve essere equilibrato e sostenibile tenendo conto della reale doman­da di abitazioni ed evitando di trasformare Rodi in una città dormitorio».

Una delle problematiche più importanti nei mesi estivi è quella del traffico automobi­listico. Di qui l’esigenza di definire il piano del traffico, individuando due aree a parcheggio. Si ipotizza un parcheggio multipiano a ser­vizio dell’area portuale; la seconda a servizio del centro abitato. Un territorio che, in prospettiva turistica, richiede – per gli amministratori – interventi urbanistici qualificati e che, soprattutto, de­vono rispondere ad una reale esigenza ga­rantendo a tutti i cittadini un’alta qualità della vita, per questo lo sviluppo urbanistico deve essere equilibrato e sostenibile tenendo conto della reale domanda di abitazioni ed evitando di trasformare Rodi Garganico in una città dormitorio attraverso.

Obiettivo raggiungibile con la riqualificazione delle aree degradate; incentivazione delle manutenzioni del patrimonio edilizio, privato e pubblico; recupero architettonico del centro storico; miglioramento della viabilità extraurbana per risolvere il problema dell’attraversamento del centro abitato; recupero e la valorizzazione di aree e di fabbricati rurali; infine, urbanizzazione della zona artigianale.

Strumento urbanistico che, per l’ex sindaco Car­mine D’Anelli (oggi consigliere di minoranza), «non può sanare gli abu­si edilizi e non sarà certamente questo per­corso che potrà soddisfare le promesse elettorali, non si può prendere in giro la povera gente». Inoltre D’anelli invita la maggioranza a riflettere perché – a suo parere – si avranno problemi penali. Il sindaco assicura che l’amministrazione comuna­le si assume tutte le responsabilità, diversamente da quanto fatto dall’esecutivo D’Anelli che, nonostante le sollecitazioni, non ha preso alcuna iniziativa in merito.

Il primo cittadino ha ri­badito che «non si cercherà di sanare una situazione in particolare, bensì si agirà in senso generale, senza favorire nessuno».

Francesco Mastropaolo

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici