Tremiti, i Comuni del Gargano vincono ricorso

Il Tribunale amministrativo regionale del Lazio ha annullato il decreto del 29 marzo del 2011 che valutava positivamente la compatibilità ambientale del programma dei lavori a effettuare nell’area delle Isole Tremiti di ricerca idrocarburi presentato dalla Petroceltic Italia srl. La sentenza, emessa dai Giudici romani, ha accolto il ricorso proposto dai comuni di Manfredonia, Vieste, Rodi Garganico, Vico del Gargano e Peschici, rappresentati e difesi in giudizio dagli avvocati Pasquale Chionchio e Maria Pia Vigilante.

Nella motivazione si dà atto di vizi procedurali che hanno impedito la preventiva partecipazione di vari soggetti pubblici e privati interessati, avuto anche riguardo a quanto sancito dalla Convenzione di Aahrus, alla procedura di rilascio della Compatibilità ambientale; profilo, questo, che ha assorbito tutti gli altri e decretato l’annullamento dei vari atti di assenso rilasciati dal Ministero dell’Ambiente alla Petroceltic Italia s.r.l. Grande è la soddisfazione del legale dei comuni garganici, l’avvocato Chionchio, «per l’attenta e scrupolosa verifica effettuata dai giudici amministrativi nell’ambito di una vicenda particolarmente complessa che, insieme ad altre, avrebbe potuto irrimediabilmente compromettere il nostro mare Adriatico e che non poca tensione sta ancora oggi provocando con riferimento all’atteggiamento di favore mostrato dall’attuale Governo alle richiamate ricerche petrolifere». «Una vittoria – ha aggiunto il legale – che se da un lato reca soddisfazione, dall’altro lato non dovrebbe indurre ad abbassare l’attenzione sulle prossime iniziative ministeriali».

Luca Pernice

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici