Fisco e truffe, nel 2011 in Puglia scoperti illeciti per 400 milioni

Duecentocinquanta milioni di truffe al Servizio sanitario nazionale; 50 milioni di frodi allo Stato italiano e agli enti locali (per violazioni legge n.488/92 e altre normative di sostegno); 43 mln di finanziamenti europei indebitamente percepiti (30 mln per frodi in materia di fondi strutturali, il resto per truffe in agricoltura); 28 mln di erogazioni indebitamente percepite per false indennità di disoccupazione, malattia e maternità in relazione ai cosiddetti ‘falsi braccianti agricolì e mancato pagamento di cinque mln di contributi previdenziali all’Inps. Sono i risultati salienti che hanno caratterizzato nel 2011, in Puglia, l’attività della Guardia di finanza sui controlli della spesa pubblica e sulle uscite del bilancio comunitario, nazionale e degli enti locali.

Le indagini – informa una nota – hanno riguardato anche ‘finti poverì, ‘falsi invalidì e la riscossione di pensioni per parenti defunti, per un ammontare di altri cinque milioni di euro.

In tema di indagini contabili svolte a disposizione della Procura regionale della Corte dei conti, le Fiamme gialle hanno accertato danni erariali per 247 milioni con la segnalazione alla medesima autorità di 734 persone tra funzionari pubblici e privati percettori.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici