Capitanata: Poste Italiane annuncia chiusura uffici e riduzione servizi

L’estate che volge al termine potrebbe essere l’ultima in cui hanno regolarmente funzionato gli uffici postali in tre località foggiane candidate a perdere questo importante servizio, due di queste proprio sul Gargano. A San Menaio e Foce Varano i residenti annunciano una  mobilitazione quando il periodo vacanziero sarà concluso, lo stesso a orgo Libertà (Cerignola): in tutti e tre questi uffici Poste Italiane hanno previsto la «chiusura totale». Inoltre il piano di razionalizzazione dei servizi prevede l’apertura per appena tre giorni settimanali degli uffici postali di Faeto e Isole Tremiti che «d’estate – sottolinea il sindacato Slp-Cisl – triplicano il loro numero di abitanti».

«Così mentre, nonostante la crisi, il turismo in Puglia registra il tutto esaurito, Poste Italiane – attacca l’organizzazione sindacale – decide di razionalizzare o chiudere definitivamente alcuni uffici postali proprio nelle località balneari o turistiche che maggiormente si affollano durante la stagione estiva. Tutto ciò lascia perplessi noi e le altre organizzazioni sindacali di categoria – sottolinea la Cisl – abbiamo perciò rigettato l’intero piano dichiarandolo non concepibile anche perché Poste ancora oggi percepisce dallo Stato sovvenzioni pubbliche per garantire a tutti i cittadini servizi essenziali, oltre ad avere una connotazione sociale/universale».

Il sindacato accusa Poste Italiane di aver deciso questo piano di razionalizzazione dei servizi «unilateralmente e senza condivisione alcuna con i sindacati. L’azienda regredisce ed i tagli purtroppo ne sono la conferma: per questi motivi nel prossimo mese di ottobre indiremo uno sciopero generale della categoria con una grande manifestazione a Roma».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici