Al via la sedicesima edizione del Carpino Folk Festival: il programma

Il conto alla rovescia sta per terminare: oggi, giovedì 4 agosto 2011 parte la XVI edizione del Carpino Folk Festival, il festival della musica popolare e delle sue contaminazioni. Tra gli ospiti della rassegna, anche la taranta veneta di Patrizia Laquidara, il Folk Rock dei MauMau e il cantautorato impegnato dell’attore/scrittore/musicista Luca Bassanese e del ligure Zibba. Al centro del sistema insediativo distribuito a corona intorno al lago di Varano, lungo la strada pedecollinare che lambisce l’anfiteatro naturale costituito da Capoiale, San Nicola di Varano, Cagnano Varano, Ischitella, Vico del Gargano fino a Rodi Garganico, in posizione rialzata e panoramica sul Poggio Pastromele si è realizzato un incontro di saperi, di generazioni, di competenze e di stimoli ideali che ha permesso a Carpino, grazie ai suoi cantori e all’intera comunità, di divenire in Puglia una sorta di santuario simbolico dell'”altra Musica”. A celebrare questa musica è uno degli eventi musicali più importanti della Puglia e una delle feste popolari più longeve e più famose in Italia. Diventato tale semplicemente perchè è un festival, nel suo genere, di qualità che attrae migliaia di persone, molti dei quali ritornano anno dopo anno.

Rinomato è il suo eclettico mix di musica e la definizione ampia di quello che viene considerato popolare. I migliori artisti popolari tradizionali d’Italia sullo stesso palco con i più famosi gruppi della riproposta, con i cantautori affermati e con le star della world music, del bluegrass e del jazz. L’elenco di coloro che si sono esibiti evidenzia senza ombra di dubbi che il Festival della musica popolare del Gargano è un vero e proprio trampolino di lancio per molti artisti ormai ben noti.

Anche quest’anno dal 4 al 9 agosto in un piccolo paesino di 4500 abitanti si ripeteranno gli antichi rituali delle tarantelle e della cultura popolare rese attuali nei ritmi vigorosi di chitarra e tamburi che si possono riascoltare sempre più spesso per le vie di Carpino e nelle piazze dei paesi del Gargano. Tra i più vecchi suonatori del Gargano c’è un gruppo che è ormai una leggenda: i CANTORI di CARPINO (“Accomë j’eja fa’ p’amà ‘sta donnë” è il titolo del sonetto più famoso). I cantatori tradizionali di Carpino si sono ritrovati in un vortice di attenzione e notorietà da parte di appassionati ed anche studiosi di etnomusicologia (come Alan Lomax, Roberto Leydi e Diego Carpitella che già negli anni cinquanta avevano effettuato approfondite indagini all’interno di un progetto di ricerca con cui hanno raccolto molti documenti sulla musica popolare italiana). Scomparsi Andrea Sacco e Antonio Maccarone, è oggi ANTONIO PICCININNO il riconosciuto guardiano della tradizione. Non solo perchè l’ha custodita, ma soprattutto perchè l’ha cantata e la canta magistralmente tutt’ora all’età di 96 anni sui palchi e nei teatri più importanti d’Italia. Sarà, quindi, come da consuetudine il più vecchio cantatore italiano in attività a chiudere la rassegna di questa pazza estate 2011.

Oltre alle dimostrazioni dei cantatori tradizionali locali, porteranno il repertorio tradizionale italiano nel luogo simbolo dell'”altra Musica” ETTORE CASTAGNA col suo progetto sulla lira calabrese, gli AMARIMAI con le famose arpicelle di Viggiano, PINO PONTUALI e ANDREA DELLE MONACHE con le musiche da ballo popolare, gli stornelli, le serenate e i canti narrativi e i canti da osteria del Lazio e dell’Italia centrale, ed infine i CALATIA ENSAMBLE di Luca de Simone che porteranno il repertorio del mandolino della tradizione popolare Campana dalla posteggia alla tarantella. Progetto speciale è la pubblicazione di un doppio CD/raccolta su tutte le voci di Carpino degli ultimi sessant’anni: CANTI e SUONI della TRADIZIONE di CARPINO. Nella parte conclusiva del festival i concerti di LUCA BASSANESE, PATRIZIA LAQUIDARA, CARLOS NUNEZ e del cantautore ligure ZIBBA. L’edizione in corso ha visto la presenza degli ALMAMEGRETTA nell’anteprima di Peschici ed avrà un prolungamento a Serracapriola con il CANZONIERE GRECANICO SALENTINO. Conclude la programmazione della XVI edizione la produzione originale del festival – Puglia BITE, l’ideale unione della Puglia attraverso le musiche dei suoi estremi: il Gargano ed il Salento. Una vera e propria orchestra popolare pugliese composta da oltre 20 elementi diretti da quel Mauro Durante leader del Canzoniere Grecanico Salentino e assistente di Ludovico Einaudi alla Notte della Taranta. Con il supporto dei giovani volontari provenienti da Argentina, Russia, Corea, Serbia, Spagna, Francia, Rep. Ceca, Turchia e Brasile non mancheranno proiezioni a tema, presentazioni letterarie, laboratori di danza e tamburello, visite guidate e la possibilità di portarsi a casa i premi del concorso fotografico: ‘Cattura l’Intangible Cultural Heritage!’ Il festival, il cui direttore artistico è Luciano Castelluccia, è organizzato dall’Associazione Culturale Carpino Folk Festival e gode del sostegno di Regione Puglia, Ministero della Gioventù, Provincia di Foggia, Anci, Parco Nazionale del Gargano e del Comune di Carpino. Il Carpino Folk Festival è socio fondatore del Consorzio 5FSS (Five Festival Sud System – Consorzio per la promozione della qualità culturale del territorio, al terzo anno di attività nella provincia di Foggia).

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici