Comunità Montana: licenziamento dei funzionari «Nicola Pinto agì correttamente»

L’ex presidente della comunità montana del Gargano, Nicola Pinto, ha operato correttamente nell’emettere il provvedimento di licenziamento nei confronti del segretario generale dell’ente montano, Ugo Galli, e di sospensione della responsabile del servizio economico e finanziario dello stesso ente, Antonietta Littoriano. Il giudice delle indagini preliminari del tribunale di Foggia ha fatto proprie le argomentazioni del Pm, Anna Landi, che ha escluso qualsiasi ipotesi di reato da parte di Nicola Pinto, attualmente consigliere provinciale e comunale di Rodi Garganico. Il pubblico ministero aveva aperto un fascicolo a carico di Pinto a seguito della denuncia presentata sia da Galli che dalla Littoriano, che contestavano la decisione dell’allora presidente Nicola Pinto. Confermata, dunque, per la procura del capoluogo, la correttezza della procedura amministrativa adottata dall’ex presidente dell’ente montano nei confronti dei due funzionari, in quanto – spiega il Pm – Pinto ha agito per un interesse certamente non privato ma dell’ente montano.Il pubblico ministero sottolineava, poi, il fatto che il comportamento dell’ex presidente è stato un atto dovuto per consentirgli – si legge nell’atto di richiesta dell’archiviazione della denuncia – di poter continuare ad esercitare le proprie funzioni ed assicurare la continuità nello svolgimento dell’attività amministrativa dell’Ente montano”. Tra l’ex presidente Pinto e il segretario generale Galli i rapporti erano, da tempo, da separati in casa. Non c’era più alcuna forma di collaborazione e, pare, che il segretario non consentisse a Pinto neppure di poter accedere agli atti amministrativi.

Una situazione che non poteva certamente continuare, tant’è che l’ex presidente adottò di il provvedimento di licenziamento del segretario e la sospensione dal servizio del responsabile dell’ufficio finanziario. Dopo l’allontanamento di Galli, al suo posto Pinto nominò il segretario del comune di Cagnano Varano, Antonietta Santodirocco, nuovo segretario generale della Comunità Montana del Gargano; inoltre, nominò anche Matteo Totaro, dirigente della stessa Comunità, vice segretario. La nomina del nuovo segretario consentì a Pinto di accedere agli atti amministrativi; i primi provvedimenti adottati furono, tra gli altri, la nomina di un legale perchè valutasse e denunciasse gli eventuali addebiti consumati dai dipendenti dell’ente; ancora, la messa in vendita dell’auto dell’ente, l’avvio della procedura per nominare il nuovo revisore dei conti.

Francesco Mastropaolo

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!
Condividi il post con i tuoi amici