San Pio, associazione chiede a giudici ispezione sarcofago

Immagine di San PioUna ispezione del sarcofago dove riposano le spoglie di padre Pio: lo chiede il presidente dell’associazione ‘Padre Pio l’Uomo della Sofferenza, avv. Francesco Traversi, al Tribunale di Foggia. In una lettera inviata al Segretario di Stato Vaticano, Tarcisio Bertone, all’arcivescovo di San Giovanni Rotondo, mons. Michele Castoro, e al prefetto della Congregazione delle cause dei santi, mons. Angelo Amato, l’avv. Traversi rende noto che il 22 ottobre scorso è stato depositato dinanzi al Tribunale ordinario di Foggia, ricorso per l’introduzione del giudizio civile ordinario, a nome e per conto di Pio Masone, nipote di Padre Pio, ‘al fine di effettuare indagine di identificazione personale su quanto contenuto nel sarcofago che si trova presso la Cripta della Chiesa di Santa Maria delle Grazie’.

E, successivamente, ‘procedere alla comparazione del profilo genetico estratto con quello di Padre Pio in nostro possesso, come da perizia allegata al ricorso e, in caso di mancata corrispondenza, dichiarare la non riconducibilità al corpo del Santo delle spoglie ivi contenute, in quanto falsamente attribuite a Padre Pio’. Inoltre – è detto ancora nella lettera – ‘l’azione giudiziaria è finalizzata ad impedire, qualora venisse accertata la corrispondenza di quanto contenuto nel sarcofago a Padre Pio, la traslazione del simulacro di Padre Pio dalla Cripta del piano interrato della Chiesa di Santa Maria delle Grazie in qualsiasi altro luogo ed in particolare nella cripta del nuovo tempio ‘d’oro’ costruito da Renzo Piano’.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici