Ai nastri di partenza il carnevale dauno

Dal 17 gennaio alla domenica successiva alle ceneri, quando si celebrerà l’appendice del ‘Carnevaletto’, invaderanno la città maschere e suoni. La manifestazione di apertura ufficiale si svolgerà all’auditorium dei Celestini. Ze’ Peppe, l’immagine rappresentativa del carnevale manfredoniano, è dunque pronto per una nuova avventura, la 56esima della serie moderna diretta continuatrice di quella avviatasi nella Siponto romana.

“Riduzione ragionata dei costi a fronte di un contenimento e ottimizzazione dei costi”, sintetizza nella sua stringata analisi il presidente dell’Istituzione Gino Iacoviello. Il budget preventivato per questa edizione ammonta a 350 mila euro: circa cinquanta in meno rispetto alla spesa dell’anno scorso. Parecchi dei tradizionali contributi sono stati decurtati. “L’amministrazione comunale pur pressata da condizionamenti di bilancio sempre più assillanti – rileva l’assessore al turismo Pasquale Bisceglia – non fa mancare come al solito il suo apporto diretto e indiretto ad una manifestazione popolare tra le più avvertite e attese non solo dai manfredoniani”. Condizionamenti che tuttavia “non si ripercuoteranno – assicura il presidente – sulla validità e qualità della manifestazione che anzi risulterà arricchita di interessanti spunti innovativi”.

Smaltite ormai le nostalgie anacronistiche dei carnevali del secolo scorso, occorre guardare avanti attingendo al mondo che viviamo. In questa visuale il presidente Iacoviello interpreta il carnevale nel modo che i tempi richiedono e che può essere racchiusa nella formula “aggiornamento nella tradizione”.

Ci saranno i carri allegorici in allestimento da parte della Associazioni per il carnevale che sfileranno il 22 e il 24 in notturna, assieme ai gruppi di maschere annunciati numerosi provenienti anche da centri limitrofi; ci saranno le “Meraviglie” preparate dai Circoli didattici che apriranno le sfilate domenica 15; ci saranno le attrazioni di intrattenimento nelle piazze e per la strada; sabato 28 carri e gruppi in libertà caratterizzeranno il “carnevale by night”, una “notte colorata” che tanto successo ha riscosso nelle ultime edizioni. Per tanti versi una analogia con “il ballo per socia” di un tempo.

Carnevale è anche vetrina di belle ragazze. Molte le novità su questo versante. Alla tradizionale “Reginetta” rigorosamente sipontina, si aggiungerà una “Miss Daunia” proveniente dalla provincia, e due “cubiste” che saranno elette nel veglione di domenica 25 gennaio al “Leaving”, mentre un tocco di internazionalità sarà dato dalla star polacca Agnieska Sochocka nelle vesti di madrina. Completerà la scena il plotone delle splendide “Perle del Golfo”.

Fonte: ilgrecale

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici