Rissa in piazza un accoltellato

Domenico Maio, 28enne di Rodi Garganico, è stato ferito con due coltellate all’emitorace destro. Il grave episodio si è verificato nella tarda serata di ieri, in corso Umberto, a Rodi Garganico. Il giovane, subito soccorso dai sanitari del locale punto di primo intervento del 118, è stato immediatamente trasportato presso l’ospedale di San Severo. I sanitari, avendo valutato la gravità delle ferite, disponevano il suo trasferimento presso gli ospedali riuniti del capoluogo. Fortunatamente le ferite, a quanto pare, non avrebbero interessato organi importanti, anche se, in questi casi, come ha precisato un medico del punto di primo intervento, bisogna attendere qualche giorno prima di definire un quadro esatto. Comunque, Domenico Maio non dovrebbe essere in pericolo di vita. Sull’episodio stanno indagando i carabinieri della locale stazione e della compagnia di Vico del Gargano.

Secondo quanto è stato possibile accertare, sembra che tra Domenico Maio e i fratelli Rocco e Franco Mongelluzzi, rispettivamente di 48 e 43 anni sarebbe scoppiata una lite per futili motivi pare di natura familiare. Difficile dire se tra i tre, c’erano stati precedenti. Dalle parole ai fatti il passo è stato breve. Non è stato ancora accertato chi dei due fratelli sia stato a sferrare le due coltellate. Anche i fratelli Mongelluzzi hanno riportato, nel corso della colluttazione, delle ferite guaribili in cinque giorni. Tutti e tre sono stati denunciati, a piede libero,  per la rissa. Corso Umberto, in pieno centro di Rodi Garganico, alle 20,30 del giorno di Pasqua non era molto affollato, vuoi per l’ora ma anche perchè le condizioni atmosferiche non erano delle migliori. Comunque, l’episodio ha destato molta sensazione, anche perchè il gravissimo fatto e, di sangue, è venuto a turbare la ricorrenza pasquale.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici