Assistenza sanitaria: il modello organizzativo Day Service

Approvato dalla Giunta regionale, con il provvedimento n.35/2009, il nuovo modello organizzativo assistenziale definito Day Service, finalizzato a garantire al cittadino le prestazioni necessarie al proprio bisogno di salute, semplificando l’accesso ai percorsi assistenziali.

Il Day Service, in sostanza, rappresenta una modalità organizzativa alternativa alla degenza, di livello intermedio tra l’assistenza ospedaliera e quella ambulatoriale.
La novità della proposta consiste nella funzionalità organizzativa del modello: la possibilità per il cittadino di ottenere una diagnosi o una terapia effettuando le visite specialistiche, gli esami strumentali o le prestazioni terapeutiche necessarie in un solo giorno o in un numero limitato di accessi, migliorando la qualità dell’attività specialistica ambulatoriale.
Al Day Service non si accede mediante il Centro Unificato di Prenotazione (CUP) ma, a seguito della valutazione dello specialista a cui si ricorre, attraverso i punti di accoglienza, in modo da agevolare l’accesso dell’utente alle prestazioni richieste.
Per la gestione della struttura organizzativa del Day Service, si è provveduto a costituire una Commissione tecnica che, in collaborazione con le Società Scientifiche, deve definire i percorsi diagnostico-terapeutici che possono essere erogati nell’ambito dei modelli di assistenza in premessa elencati, previsti dalla Legge regionale n. 23/2008 “Piano Regionale di Salute 2008- 2010”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici