Scuola, inviata agli istituti la circolare per le iscrizioni 2009-2010

Inviata alle scuole la circolare che fornisce le indicazioni per l’iscrizione alle sezioni della scuola dell’infanzia e a tutte le scuole di ogni ordine e grado. Le domande di iscrizione devono essere presentate entro il 28 febbraio. Il provvedimento, illustrato ieri ai sindacati, prevede il maestro unico per le prime classi delle elementari, consente gli ”anticipi” alla scuola per l’infanzia e primaria, ripristina il voto in condotta (con il 5 non si è ammessi all’anno successivo), introduce i voti al posto dei giudizi, offre la possibilità di scegliere l’inglese potenziato alla secondaria di primo grado (ex medie) e avvia la sperimentazione di ”cittadinanza e Costituzione” come disciplina autonoma.

In particolare per la scuola dell’infanzia iscrizioni aperte, nelle scuole statali e paritarie, per i bambini che compiono tre anni entro il 31 dicembre 2009 e, in presenza di particolari condizioni (disponibilità di posti, accertamento dell’avvenuto esaurimento di eventuali liste d’attesa), anche ai bambini che compiono i tre anni entro il 30 aprile 2010. Le ore settimanali previste sono 40 (8 ore giornaliere). A richiesta e in base alle disponibilità si potrà arrivare fino a un massimo di 50 ore. Prosegue l’esperienza delle ‘sezioni primavera’ per i bambini dai 2 ai 3 anni.

Per la scuola primaria sono obbligati a iscriversi (con un modulo che sarà a disposizione delle scuole) gli alunni che compiono i sei anni entro il 31 dicembre 2009. Possono iscriversi anticipatamente anche i bambini che compiono i sei anni entro il 30 aprile 2010. Per le prime classi sarà introdotto l’insegnante unico di riferimento che avra’ la responsabilità formativa globale dell’alunno.

Al momento delle iscrizioni alle classi prime i genitori possono esprimere, in ordine di priorità, le preferenze rispetto all’articolazione dell’orario settimanale: 24 o 27 ore che sono i due modelli di base. Le famiglie possono scegliere anche il modello a 30 ore (con attività opzionali) e quello a 40 ore (tempo pieno). Per le classi successive alle prime continuano i modelli orari in atto.

Per la scuola secondaria di primo grado la circolare stabilisce che con l’iscrizione i genitori esprimono la scelta tra i modelli orari di 30 ore o di tempo prolungato di 36 ore (prolungabile fino a 40 ore). Nel modello a 30 ore, 29 saranno di insegnamento curriculare e 1 di potenziamento della lingua italiana. Le famiglie inoltre da quest’anno potranno, in sede di iscrizione e con vincolo di non variare tale scelta per l’intero corso della secondaria di primo grado, chiedere l’inglese potenziato: 5 ore di inglese, anziché 3 di inglese più 2 di una seconda lingua comunitaria. Le famiglie dunque potranno decidere di impiegare le 2 ore della seconda lingua comunitaria per l’insegnamento dell’inglese.

Per la scuola secondaria di secondo grado, invece, i nuovi ordinamenti entreranno in vigore a decorrere dall’anno scolastico 2010-2011 con la revisione generale dell’offerta formativa. Per il 2009-2010 sono confermati i percorsi previsti dagli attuali ordinamenti. La circolare stabilisce quindi che l’obbligo di istruzione potrà essere assolto anche con la frequenza dei percorsi di istruzione e formazione triennali avviati attraverso accordi regionali.

Altre novità per quanto riguarda i voti e il comportamento. I voti relativi alle singole discipline sono espressi in decimi (i voti inferiori a 6 sono di insufficienza) sia nella scuola primaria che nella scuola secondaria di primo e secondo grado. Nella scuola secondaria di primo e secondo grado la valutazione del comportamento è espressa in decimi (i voti inferiori a 6 sono di insufficienza). Con una votazione inferiore a 6 lo studente non è ammesso all’anno successivo. L’esito complessivo dell’esame conclusivo del primo ciclo (terza media) è espresso in decimi. Dal prossimo anno scolastico l’insegnamento della disciplina ”cittadinanza e Costituzione” partirà come sperimentazione organica per poi entrare a regime nel 2010-2011. La disciplina avrà dal 2009-2010 un monte ore definito e una valutazione a parte per le scuole che aderiranno alla sperimentazione.

Giro di vite, dunque, nei confronti del bullismo. D’ora in avanti a scuola chi prenderà meno di 6 in condotta sarà bocciato. E’ stato infatti pubblicato oggi il decreto ministeriale con cui, a partire da quest’anno scolastico 2008/2009, sono ridefiniti i criteri di valutazione del comportamento degli studenti delle scuole secondarie di I e di II grado. Grazie a queste nuove norme con una insufficienza in condotta si potrà essere bocciati. Le scuole, comunque, possono prevedere nei propri regolamenti interni ulteriori criteri e iniziative per la prevenzione dei comportamenti sanzionabili. Più serietà e più rigore sono fondamentali per il miglioramento della scuola. Fondamentale, per recuperare questi valori, è la collaborazione tra scuola e famiglie. Anche per questo motivo, scuola, famiglie e studenti sono chiamati a sottoscrivere, all’inizio dell’anno scolastico, un ”Patto educativo di corresponsabilità” sui corretti comportamenti da tenere a scuola. Atteggiamenti violenti e bullismo sono fenomeni contro cui è necessario trovare rimedio. Il ripristino del voto in condotta e’ un procedimento che va in questa direzione.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici