Vendola: “nuove tariffe anti-crisi beffa per la Puglia”

“Pagare molto di più per una regione come la Puglia che contribuisce in maniera determinante al fabbisogno di energia nazionale suona come una vera e propria beffa”.
Lo sostiene il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, commentando il comma modificato del decreto legge anti-crisi in discussione oggi alla Camera.
” La suddivisione del territorio nazionale in tre macroaree, cosi’ come prevede l’emendamento proposto dalla Lega Nord”, ricorda Vendola “significa per la nostra regione un aumento delle tariffe energetiche che sfiorano il 30%, calcolato come media delle regioni che fanno parte dell’area del Sud e Isole” .
“Voglio solo ricordare che la Puglia produce 8 mila megawatt di energia all’anno, di cui l’88% viene messa a disposizione del fabbisogno nazionale” aggiunge Vendola.
” Solo il 12% resta a disposizione dei consumatori pugliesi. E’ chiaro che a questo punto non possiamo essere penalizzati piu’ di quanto gia’ non lo siamo. Una batosta di questo tipo sarebbe un colpo finale per la nostra economia”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici