L’acqua del Gargano è “contaminata” dalle alghe rosse

Il consorzio di bonifica della Capitanata – che gestisce la diga da cui dipende l’erogazione potabile per l’intera provincia di Foggia – ha informato gli organi competenti che hanno subito avviato le analisi dell’acqua «contaminata» dalle alghe. «Abbiamo tempestivamente informato i tecnici dell’Arpa di Bari e di Campobasso, dal momento che l’invaso ricade sotto la sfera di competenza delle due regioni», spiega il direttore generale del Consorzio Giuseppe D’Arcangelo. Anche se non vi sono comunicazioni ufficiali in tal senso al Consorzio ritengono che le alghe non possano costituire alcun pericolo per la salute dei cittadini.

«E’ probabile che si tratti di fertilizzanti per i terreni: la crescita tumultuosa dell’acqua contenuta nell’invaso (da 28 a 180 milioni di metri cubi) ha proliferato la crescita di queste alghe». Anche dall’Acquedotto pugliese minimizzano: «Sono assolutamente innocue per la salute pubblica ».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici