Alga rossa: indici in lieve calo

Sarebbe leggermente diminuita la concentrazione dell’alga rossa nella diga di Occhito. L’unità crisi, istituita lo scorso 2 febbraio per monitorare il fenomeno, riunitasi ieri presso l’assessorato regionale alla sanità, ha esaminato i nuovi dati dell’Ares, che segnano un primo e lieve abbassamento del trend di concentrazione algare.

Ma per gli esperti è ancora troppo presto per ritenere superata la proliferazione. L’andamento, infatti, è stato incostante e maggiori conferme sono attese nei prossimi dieci giorni. Sulla potabilità dell’acqua dell’invaso, tuttavia, non ci sono dubbi, assicurano i dirigenti della regione. Il livello di tossicità resta di un quinto inferiore alla soglia di rischio.

Dati che confermerebbero l’efficacia delle misure adottate: dal miscelamento dell’acqua alla restrizione dell’approvigionamento dell’acquedotto fino all’installazione di speciali filtri a carbonio attivo.

Previsto un incremento delle misure di contrasto con l’arrivo delle temperature più calde (causa di proliferazione dell’alga rossa) a partire dunque dal mese di aprile. Il monitoraggio dell’unità di crisi dovrebbe estendersi alle irrigazioni dei campi, per tutelare il bestiame che si abbevera in quella zona.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici