Vescovo indagato: Mantovano, superato il ridicolo

‘Ci sono fatti che rendono evidente, più di qualsiasi discorso, la distanza dalla realtà nella quale vive parte della magistratura italiana. L’iscrizione nel registro degli indagati del vescovo di Manfredonia per l’esumazione del corpo di Padre Pio è uno di questi fatti’.
Lo afferma il senatore di An, Alfredo Mantovano, secondo cui ‘si è superato il ridicolo’. ‘Da sempre – sottolinea Mantovano – si ripete la litania secondo cui la Chiesa si deve interessare solo di vicende spirituali; poi una procura della Repubblica entra a piedi uniti in una questione puramente spirituale, con ipotesi di reato che oltrepassano il ridicolo. Nè si dica che l’iscrizione è atto dovuto, perchè non è così, non essendo stato svolto alcun atto di indagine che richieda la presenza del difensore’. ‘Da sempre – continua Mantovano – tanti magistrati si lamentano dell’assenza di mezzi e del carico di lavoro: che cosa dicono di loro colleghi che lasciano in pace i fanti (del crimine) e scherzano con i santi? Con la stessa logica seguita a Foggia la procura di Ancona potrebbe sequestrare il Santuario di Loreto e iscrivere come indagato il custode: non integra il reato di abuso della credulità popolare attrarre fedeli che visitano la casa della Madonna portata lì dagli Angeli?’.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici