Un nuovo governo per la Comunità

Comunità Montana del Gargano Si sono aggiornati a lunedì prossimo, 4 febbraio, le forze politiche presenti alla comunità montana. Avuto il via libera dalla Prefettura, che ha fugato i dubbi di natura normativa che avevano bloccato nei giorni scorsi la partenza di un governo istituzionale, il ceto politico che governa l’ente montano sta cercando in queste ore di trovare la quadratura del cerchio.

L’ipotesi di un governo istituzionale sembra essere l’unica via per superare lo stallo provocato dagli arresti dell’ex presidente Nicola Pinto e dell’ex assessore Peppino Maratea. «Auspico che l’ente montano riaccenda i motori per ripartire al più presto e per questo motivo ritengo che la idea del governo istituzionale vada perseguita con forza e determinazione», dichiara Carmine D’Anelli, sindaco di Rodi Garganico.

In attesa delle notizie da Bari sul riordino degli enti montani, oggi la priorità è traghettare l’ente montano verso la «normalità». E quindi mettere nero su bianco. Voci e indiscrezioni già circolano sui nomi in ballo riguardo agli esponenti del centro-destra che dovrebbero entrare in giunta. Si parla anche di un accordo già siglato, un accordo fatto per consentire la formazione di un esecutivo bipartisan, il quale dovrebbe prendere piede nelle prossime ore. Si stanno limando gli ultimi dettagli. E’ passato intanto il principio che al tavolo possono sedere solo esponenti di chiara matrice politica. E quindi stop agli indipendenti. Su tale presupposto, l’accordo è stato trovato più o meno sulla base, (c’è comunque da considerare che la situazione è fluida e i colpi di scena sono sempre dietro l’angolo) di questi termini: due assessori al Partito Democratico ed uno ai socialisti. Per il primo Emanuele Leggieri (San Marco in Lamis) e Domenico Esposito (Peschici); per il secondo Giuseppe Columpsi (Cagnano Varano). Per la Casa delle Libertà due a Forza Italia ed uno all’Udc. Per gli azzurri Gino Di Rodi (Vieste) e Salvatore De Felice (Rodi Garganico) e per il partito di Pierferdinando Casini Vincenzo Totaro (Monte Sant’Angelo).

Articolo a firma Francesco Trotta tratto da “LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO” edizione del 31/01/2008

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici