Si riapre il confronto sul futuro della rete scolastica

Approvata “all’unanimità”, dal Consiglio provinciale, la proposta dei gruppi di minoranza di “riaprire il confronto sul dimensionamento della rete scolastica” con l’obiettivo di “colmare una lacuna della programmazione già approvata in Giunta”, riguardante gli istituti con oltre 900 alunni, e “recepire le proposte tardive di comuni e istituti scolastici”. Astenzione del centrosinistra sull’ordine del giorno con cui l’Assise “ha preso atto e condiviso” il piano predisposto dall’assessore provinciale alle Politiche educative, Elvira Consiglio, “anche se il lavoro compiuto dall’assessore è sinceramente apprezzabile”, come ha detto nel suo intervento il capogruppo Pd, Antonio Prencipe, Innanzitutto – sostiene Prencipe – l’intervento ha garantito il dialogo tra enti e le varie componenti del mondo scolastico”. Inoltre “si è svolto in condizioni oggettivamente poco agevoli a causa dei tempi ristretti imposti dalla Regione Puglia”. Ciò ha impedito di “valutare con maggiore attenzione la posizione di alcuni istituti scolastici, come l’ITC ‘Rosati’ di Foggia, che potrebbero ora perdere l’autonomia e, di conseguenza, le risorse finanziarie e le professionalità” connesse a questo status giuridico e amministrativo. Così come, ad eccezione dell’unico caso di Margherita di Savoia, “non è stato previsto alcun intervento per migliorare le condizioni in cui si opera e si studia negli istituti, e sono parecchi, frequentati da oltre mille alunni”. Proprio alla vigilia dell’approvazione del piano provinciale, ha fatto notare il capogruppo del Pd, il Governo ha, di fatto, rinviato di un anno l’attuazione del dimensionamento “nelle forme brutali imposte dai tagli alle risorse finanziarie destinate alla scuola, che il ministro Tremonti ha predisposto e il ministro Gelmini condiviso”. Di qui, la richiesta di “favorire il coinvolgimento del Consiglio provinciale nel merito del piano approvato in Giunta – ha proposto Antonio Prencipe a nome della minoranza – utilizzando questo ulteriore lasso di tempo per intervenire sugli istituti sovradimensionati, esaminare le istanze trasmesse in ritardo e colmare le lacune provocate dall’inerzia di comuni e scuole”. Sarà la conferenza dei capigruppo a decidere come tradurre operativamente la volontà espressa dal Consiglio provinciale, “puntando al coinvolgimento delle rappresentanze degli operatori scolastici, degli studenti e dei genitori”. “Erano queste le motivazioni che ci avevano indotto a chiedere lo svolgimento di una seduta monotematica dell’Assise – ha concluso il capogruppo Pd – e che, pur rispettando la proposta dell’Amministrazione provinciale, ci convincono della necessità di un ulteriore approfondimento del dibattito attorno ad un tema così centrale per l’intera comunità di Capitanata”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici