Parco del Gargano, è arrivato Pignatelli: ‘Subito il Piano del Parco’

Da questa mattina il Commissario del Parco Nazionale del Gargano, Ciro Pignatelli, è già al lavoro presso gli uffici dell’ente a Monte Sant’Angelo. Per il funzionario del Ministero dell’Ambiente, si tratta di un gradito ritorno nella sua terra natale (è nato a San Marco in Lamis 50 anni fa) e in un ente in cui è stato componente del consiglio direttivo dal 1997 al 1999 in qualità di esperto di politiche ambientali. Ha preso il posto dell’ex presidente Giandiego Gatta, destituito dal Ministro per ‘criticità amministrative e gestionali’.

A Pignatelli il compito di rilanciare la più importante area protetta della Puglia. ‘Pochi, ma fondamentali punti per assicurare al Parco del Gargano buone prospettive per il futuro. Inizieremo con il Piano del Parco – ha detto – che ancora non esiste, e che oltre che non consentire una programmazione seria del territorio, non permette un dialogo efficace sul piano dei rapporti con gli enti locali. Poi il piano antincendio che coinvolga tutti i protagonisti, e che sia condiviso da tutte le associazioni ambientaliste e di volontariato che operano sul territorio. E infine – aggiunge Pignatelli – una forte ripresa del dialogo con i cittadini che abitano il Parco e che attendono da tempo di capire se questo è una risorsa collettiva o se è un intralcio o un freno allo sviluppo economico’.

Ciro Pignatelli ha ringraziato il Ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio per avergli affidato questo compito. ‘Pecoraro Scanio ha risolto positivamente una decina di commissariamenti ereditati dal precedente Governo, e dopo aver verificato alcune problematicità riscontrate da recenti indagini ispettive al Parco del Gargano, ha fatto la scelta più idonea’.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici