«Dacci 20mila euro». Ritorna imperante la questione morale

Comunità Montana del Gargano Proprio nel momento in cui la politica foggiana cerca di dipanare le sue carte sul futuro; proprio nel momento in cui gli obiettivi e gli sforzi sono concentrati su una platea da rigenerare (almeno apparentemente), riecco la malapolitica a innescare l’ennesimo scandalo.

Che dà ancor più scandalo se si pensa al coinvolgimento di due navigati amministratori, Peppino Maratea e Nicola Pinto, gli uomini che in passato avevano scomodato personaggi come Gae Aulenti (per portare avanti l’idea di un albergo diffuso a Vico del Gargano) e Katia Ricciarelli (in occasione dell’ultima campagna elettorale a Rodi, Pinto l’aveva coinvolta), ora caduti nell’accusa della concussione.E scandalo nello scandalo con la presunta richiesta di tangenti presentata in una sede istituzionale, qual è il palazzo della Provincia.

Bisogna prendere atto delle dichiarazioni d’innocenza degli indagati e in attesa dei processi non bisogna azzardare giudizi sommari su personaggi che hanno contribuito a scrivere la storia politica di una parte del territorio, il Promontorio.

Ma la vicenda suona in questo particolare momento, come un ennesimo campanello d’allarme su ciò che sono i rischi della politica e le difficoltà a praticarla nella maniera migliore. E tornano i triti ritornelli mai desueti tra affari e politica, questione morale in enti e istituzioni che guardano sovente ad una idea rigenerante di se stessi. Si torna a chiedersi come abbiano potuto fare politici navigati, esponenti di gestione così scafati, profondi conoscitori della macchina amministrativa a cadere nella trappola di situazioni così routinarie per un ente.

Pinto si era autosospeso, Maratea si era dimesso solo qualche giorno prima. L’avevano fatto per salvaguardare l’istituzione o nella speranza di evitare l’arresto?

Articolo tratto da “LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO” edizione del 12/01/2008

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici