SSV Gargano, il Ministero delle infrastrutture si impegna a completare l’arteria

Il ministero delle Infrastrutture si è impegnato a finanziare per intero la “Strada a scorrimento veloce del Gargano”, rimpinguando i fondi destinati all’importante opera infrastrutturale, che diversamente avrebbero consentito soltanto la realizzazione di una parte del tratto che va da Vico del Gargano a Vieste. L’assicurazione è arrivata ieri dal ministro Altero Matteoli, a margine dell’incontro organizzato con gli imprenditori per discutere del futuro dell’Interporto di Cerignola. “Siamo pienamente soddisfatti della sensibilità dimostrata dal ministro Matteoli rispetto a questo intervento di strategica importanza per la mobilità della Capitanata – commenta l’On. Pepe -. Viene così premiata la proposta della Provincia di Foggia, che adesso accelererà i tempi per la trasmissione all’Anas dello studio di fattibilità”. La Strada a scorrimento veloce del Gargano – che prevede il collegamento tra Vico del Gargano e Vieste – è stata al centro di numerosi incontri tra i tecnici dell’Amministrazione provinciale ed i vertici nazionali dell’Anas, trovando ampia condivisione, tanto da essere inserita all’interno del Piano decennale dell’Anas, con un finanziamento pari a 22 milioni di euro. Si trattava, però, di una sola tranche dell’importo complessivo dell’intervento, stimato in 160 milioni di euro. Contestualmente la Provincia di Foggia si è impegnata a finanziare, a proprie spese e per conto dell’Anas, la progettazione preliminare dell’opera. “Il ministro Matteoli – aggiunge il presidente della Provincia – ci ha ora garantito la completa copertura finanziaria per l’intero tratto di strada, che consideriamo strategico per lo sviluppo della mobilità provinciale, così come sollecitato anche dai sindaci dell’area”. A conferma della strategicità dell’opera, la Provincia di Foggia, attraverso l’assessore alla Pianificazione Strategica Leonardo Di Gioia, ha lavorato – ottenendo un positivo riscontro – perché la Strada a scorrimento veloce del Gargano rientrasse anche nelle priorità individuate dal Piano Strategico di Area Vasta “Capitanata 2020”, all’interno del quale l’intervento ha assunto dignità di “dorsale di sviluppo” nell’ambito della dimensione “Reti e Mobilità”. “Abbiamo considerato sin dal nostro insediamento fondamentale la strada a scorrimento veloce – afferma Di Gioia -. Si tratta infatti di un intervento che non va soltanto nella direzione di un significativo miglioramento della mobilità provinciale, ma che risulta strategico anche nell’ottica di un significativo potenziamento del nostro sistema turistico”.

Fonte: ilgrecale.it

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici