Sergio Rubini ambasciatore dell’olio pugliese

Per la prima volta l’olio extravergine di oliva pugliese ha un «ambasciatore»; stasera infatti gli organizzatori della manifestazione «Extra» in corso a Bari per promuovere l’olio, investiranno dell’incarico per un anno, l’attore e regista Sergio Rubini, originario di Grumo Appula, consegnandogli un cofanetto contenente un’ampolla piena d’olio extravergine rigorosamente pugliese.

«Ce la metterò tutta per dare all’olio di Puglia la maggiore rilevanza possibile – ha annunciato Rubini incontrando i giornalisti nel pomeriggio – perchè so che l’olio extravergine è il risultato di un lavoro che si è modificato nel corso del tempo per raggiungere dei risultati. Credo, come dice il regista Angelopulos, che si debba essere autentici provinciali per essere internazionali: penso sia arrivato il momento per la Puglia, da lungo tempo fornitrice del Paese e di gran parte del mondo, di farsi dare il ruolo che le spetta, vedendo riconosciuta la propria identità».

«Tra me, i miei film e l’olio – ha aggiunto l’attore – c’è un grande legame, finora io ho fatto divulgazione col mio lavoro di questo prodotto autentico, perchè sono pugliese, vivo con una donna pugliese, offro ai miei amici cibi pugliesi. Penso che sarò un ambasciatore non con le parole ma con i fatti: i film, i cibi che sempre cucino con l’olio di Grumo. Dalle mie parti quando si va via di casa la madre non ti dà camicie ma l’olio che è un bene prezioso».

«Io so cucinare, da single ho affinato quest’arte – ha proseguito Rubini rispondendo ai giornalisti – uso l’olio anche per friggere e non sono mai caduto nel tranello di pensare l’olio pugliese troppo forte e dunque da tagliare; non arrivo a chiedere etichette nei ristoranti ma sono in grado di riconoscere il nostro olio e quindi di capire in che posto mi trovo».
«Credo che la carriera di un artista debba essere tesa a far sembrare liscio come l’olio ciò che liscio come l’olio non è stato, rendendo partecipe lo spettatore del risultato che come l’olio deve avere profumo, sapore, odore».

«Accetterei anche di girare spot sull’olio – ha concluso – perchè penso che un attore possa avere paura solo di un prodotto che non gli assomiglia; mentre tra me e l’olio c’è assonanza ed amore e anche lui sarà mio ambasciatore perchè riuscirà a veicolare la mia immagine».

«L’incarico a Rubini – ha annunciato uno degli organizzatori del progetto Extra, Alfonso Accatino – rientra in un programma più ampio di valorizzazione che nel 2009 coinvolgerà i designer ed altri canali internazionali per portare questo prodotto antico in luoghi diversi dai soliti. E in primavera a Milano avverrà qualcosa di interessante…».

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici