S. Giovanni Rotondo: ecco come arrivare e fare la visita

Il traffico, i bus e il percorso riservato per chi ha prenotato. I 106 alberghi di S. Giovanni Rotondo e i loro 9mila posti letto sono tutti occupa­ti. Almeno fino a lunedì pros­simo. Ma non tutti i pellegrini attesi per oggi sono già da ieri a San Giovanni Rotondo. Chi arriverà questa mattina, senza prenotazione alberghie­ra, potrà fare affidamento su­gli autobus del servizio pub­blico di linea urbana che prov­vederanno ai trasporto dal parcheggio «Pozzo Cavo» (se­de del check point: il permes­so di circolazione nell’area a traffico limitato verrà rilascia­to solo agli autobus che tra­sportano passeggeri con pre­notazione alberghiera e solo per raggiungere l’albergo) fi­no alla zona «Anfiteatro» e di qui partiranno le navette di ri­torno al parcheggio «Pozzo Cavò». L’accesso in città sarà garantito a tutti, non ci saran­no limitazioni del traffico in ingresso e in uscita. Le uni­che limitazioni riguarderan­no le strade più prossime al Santuario e, in particolare: viale Padre Pio, via De Nun­zio, viale Cappuccini, via Lui­gi Gonzaga, via San Salvato­re. Gli autobus turistici, da qualsiasi direzione provenga­no, potranno circolare nel­l’ambito del centro abitato e sulla circonvallazione sud-S.P.45 bis, solo per recar­si presso il parcheggio pubbli­co di «Pozzo Cavo». Natural­mente, chiunque dovrà rag­giungere l’ospedale o il po­liambulatorio potrà farlo sen­za alcun problema. Da oggi i fedeli potranno recarsi in visi­ta alla cripta di Santa Maria delle Grazie dove verrà espo­sta la salma che, esclusiva­mente per questa giornata, ri­marrà aperta a tutti fino a tar­da ora. A partire da domani le visite saranno divise su due distinti percorsi, uno per i prenotati e uno per tutti colo­ro che giungeranno sprovvi­sti di pass. II tutto è stato stu­diato nel minimi dettagli af­finché ci siano meno disagi possibili. Per i pellegrini «pre­notati» il luogo di incontro sa­rà l’ampio piazzale alla fine di Viale Padre Pio, dal quale sa­ranno organizzati per accede­re dall’ingresso solitamente denominato «dei presepi». Per i tanti fedeli senza pass di prenotazione il punto d’in­contro sarà il grande vialone che da Viale Aldo Moro porta all’ingresso della Nuova Chie­sa. I pellegrini saranno poi in­canalati su un percorso che consentirà di accedere alla cripta da un altro ingresso (in modo che le due file non si in­contrino), ossia quello del­l’antico convento.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici