Ostensione San Pio, D’Ambrosio: “Un modo per conoscere i segni della santità”

Circa 10.000 presenze, 130 testate accreditate, 280 tra giornalisti e cine-operatori presenti. Sono questi i primi numeri della lunga giornata di apertura dell’ostensione pubblica di San Pio, emersi nell’ambito della conferenza stampa presenziata da Sua Eccellenza Domenico D’Ambrosio e da Fra’ Aldo Broccato, alla quale hanno preso parte il commissario del Comune di San Giovanni Rotondo, Michele Di Bari e la commissione medico-scientifica che ha curato le operazioni di esumazione e conservazione del corpo di San Pio.

Nell’ambito dell’incontro, moderato da Antonio Belpiede portavoce dei Frati Cappuccini, è stato ribadito ancora una volta il valore della pratica della ricognizione canonica che, come ha spiegato in conferenza stampa D’Ambrosio “è norma, prassi della Chiesa. Non bisogna vedere negatività nell’esposizione delle reliquie di San Pio, ma la volontà di custodire i segni concreti attraverso i quali la santità si è espressa nel frate delle stigmate”.

La scelta di coprire il volto di San Pio con una maschera in silicone, invece, è stata dettata dalla volontà di offrire ai fedeli l’immagine di San Pio che tutti conoscono e ricordano, bel lontana dalla corruzione del tempo, benché le condizioni del volto di San Pio, a 40 anni dalla sua morte, fossero sorprendentemente buone. “Il volto di San Pio – ha spiegato Nazzareno Gabrielli, perito biochimico del Vicariato di Roma per la conservazione dei santi-  è stato ritrovato in condizioni quasi perfette. Conservava ancora i tratti essenziali e la barba. Sarebbe bastato riempire le cavità orbitali per mostrarlo al pubblico”. Ma quello che si è deciso di offrire ai fedeli, non è il volto della morte bensì quello della santità di San Pio. “Un volto – ha detto ancora D’Ambrosio – che la maschera in silicone realizzata dalla Gems Studio di Londra ha ricreato con una fedeltà commovente”.

Il corpo di San Pio resterà visibile nella chiesa di Santa Maria Delle Grazie fino al 23 settembre 2009, ma al momento, nonostante i calorosi inviti di Sua Eccellenza D’Ambrosio, non è ancora possibile sapere se e quando avverrà la visita del Papa, Benedetto XVI. “Di certo – ha concluso il presule – Sua Santità non sarà a San Giovanni Rotondo a giugno, per l’anniversario della santificazione di San Pio”.

Fonte: ilgrecale.it

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici