La Regione Puglia avvia la tutela gli ulivi monumentali

Firmate oggi in Presidenza due convenzioni per l’avvio della legge di tutela degli ulivi monumentali. L’assessore all’Ecologia Michele Losappio ha firmato gli atti con il comandante regionale del Corpo Forestale dello Stato, ing. Claudio Muscaritoli e i rappresentanti di Cia, Coldiretti e Confagricoltura. “Adesso – ha detto Losappio – ci sono i primi mezzi e strumenti per far partire il monitoraggio dei monumenti arborei pugliesi”.

Il Corpo Forestale avrà il compito di operare materialmente la ricognizione del territorio regionale per rilevare con apposite schede gli ulivi tutelati, che in Puglia sono circa 5 milioni. Alle organizzazioni agricole sarà assegnato il compito di progettare e realizzare appositi incontri informativi sulle opportunità offerte agli imprenditori agricoli dalla legge sulla tutela ulivi. Sul Portale ambientale della Regione sono già arrivate e pubblicate segnalazioni di alberi meritevoli di tutela da parte di Amministrazioni comunali e soggetti interessati, sul Portale è disponibile la scheda di rilevazione.

Al CFS saranno assegnati 95mila euro dalla Regione per le attività di controllo, 30mila invece per ciascuna organizzazione agricola per le attività di promozione e informazione. Con successivi passaggi ogni pianta sarà – dopo l’inserimento nel catasto – etichettata e segnalata. Con la rilevazione si potrà istituire l’albo degli ulivi monumentali e secolari di Puglia, primo passo per l’avvio di azioni di promozione dell’olio extravergine prodotto da questi alberi, del paesaggio degli olivi a fini turistici e per azioni di manutenzione e valorizzazione del paesaggio degli uliveti.

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche gli assessori all’Agricoltura dei comuni di Mola di Bari e Vico del Gargano che hanno già avviato iniziative sul territorio per la tutela degli ulivi.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici