Scoperta a Siponto una villa romana

 A Siponto, in contrada Mascherone, tra minidiscariche ed erbacce, spicca una villa romana. A parlarne è l’appassionato di storia di Siponto, il manfredoniano Aldo Caroleo.

Per  individuare l’area – spiega Caroleo – bisogna percorrere viale degli Eucalipti fino al passaggio a livello e poi imboccare la strada asfaltata che porta su viale dei Pini. Proprio nei pressi di una curva, dinanzi ad una discarica di rifiuti, si apre un vasto spazio coltivato sui cui argini si vedono addossate delle enormi strutture murarie”. Tali strutture, scambiate probabilmente negli anni per semplici macerie, sono in  “opera reticolata”, tipica tecnica costruttiva romana.

Dopo varie ipotesi sul sito, si è accertato che in epoca classica la zona doveva sorgere su un promontorio che si affacciava sulla laguna di Siponto ed era circondata dal  mare. “Su questo promontorio venne realizzato il complesso monumentale che è da attribuirsi con certezza ad una lussuosa villa  posta proprio sul limite sud-ovest della laguna”, spiega Aldo Caroleo.

Verso tale interpretazione,cioè della presenza di un lussuoso ambiente residenziale, conducono infatti i diversi ritrovamenti fatti sul luogo. Si è ipotizzato anche il suo possibile proprietario, Marcus Hostilius, magistrato e poi triumviro dell’antica Roma, citato da Vitruvio come il costruttore di Salapia. La villa di  località Mascherone, un piccolo museo all’aperto, è sicuramente una delle tante costruite nel periodo della colonia romana di Siponto che giacciono ancora sepolte ed in attesa di essere portate alla luce.

Ci si augura che le istituzioni possano finalmente scuotersi ed iniziare a prestare la dovuta attenzione a Siponto ed ai suoi tesori che giacciono addirittura tra l’incuria e tra i rifiuti. Se una città vuole crescere culturalmente per gettare le basi di un futuro migliore, deve necessariamente conoscere il proprio passato.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici