La “Tristezza” degli agrumi in Puglia : Convegno su Valutazioni e strategie

“Tristezza degli agrumi”:se ne parla oggi ,a Massafra, presso l’Appia Palace Hotel, nel corso del convegno nazionale che discuterà i risultati ottenuti con anni di monitoraggio e di eradicazione dei focolai in Puglia a partire dal primo manifestarsi del virus che, com’è noto, colpisce gli agrumi e, in particolare, clementine e mandarini.Durante il convegno, a cui parteciperà l’Assessore Enzo Russo, il direttore Area Politiche Sviluppo Rurale, Giuseppe Ferro, esperti dell’Osservatorio Fitosanitario Regionale ed esperti del CNR -Bari, IAM- Bari, Università degli Studi di Bari e degli Stati Uniti, analizzeranno la malattia “Tristezza degli agrumeti”causata dal virus CTV ( Citrus Tristeza Virus), i danni che ha provocato ad interi ettari di agrumeti, ma soprattutto l’attenzione che la Regione Puglia ha rivolto a questa problematica attuando un monitoraggio puntuale sin dall’emissione del D.M. del 1996 ed una eradicazione dei focolai infetti sin dal loro primo ritrovamento.
Il monitoraggio sta dando ottimi risultati, facendo emergere la possibilità di contenere la diffusione della “Tristezza” degli agrumi nella nostra regione a differenza di regioni come la Sicilia e la Calabria, dove non si è attuata alcuna eradicazione e la malattia sta evolvendo molto rapidamente con conseguenze disastrose per il comparto agrumicolo. Il campionamento in questi anni ha riguardato sia i campi commerciali che i vivai. I nuovi impianti agrumicoli devono essere realizzati solo con piante di agrumi certificate per evitare che la libera circolazione delle piante provenienti soprattutto dalla Sicilia e dalla Spagna non vanifichi lo sforzo fatto dalla Regione Puglia.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici