Sanità: servizi dimezzati sul Gargano

Sulla organizzazione sanitaria del Gargano nord sta per abbattersi un vero e proprio ciclone che, in pratica, svuotereb­be i pochi servizi che ancora sono attivi nei centri dei Comuni di Vico del Gargano e Vieste.­ Colpi di scure che taglieranno, in modo si­gnificativo, l’intera struttura, in termini di riduzione di organici e, naturalmente anche di strumentazione. Il caso è stato sollevato dal presidente della commissione sanità regionale, Dino Marino, con una lettera aperta al presidente della giunta, Nichi Vendola, e all’assessore alle Politiche della Salute, Alberto Tedesco, nella quale de­nuncia il danno che la regione sta determinan­o contro le popolazione del Gargano, e non solo.
Per Vico del Gargano e San Marco in Lamis i tagli sarebbero, rispettivamente, di diciotto e due unità. Per Vico del Gargano e Vieste, ma anche per gli altri comuni viciniori, si tratterebbe, in pratica, di vedere dimezzati quei pochi servizi che, ancora oggi, riescono soltanto in minipa parte a garantire. Il presidente della commissione sanità sottolinea, poi, il fatto che, senza fare per il mo­mento un’analitica disgressione su reparti e servizi, tale “manovra non poggia su alcun fondamento di norma e raziocinio. Infatti, non vi è alcuna valutazione dei carichi di la­voro esistenti in ambito alle attività di pre­sidio, così da poter offrire le risorse neces­sarie corrispettive alle richieste dell’utenza”
Il consigliere regionale si chiede il perchè tut­to ciò “avvenga alta vigilia dell’approvazione del Piano della salute che, recependo le discussioni e i risultati della concertazione avvenuta in preparazione del documento stesso, attribuisce alla medicina del territorio una valenza stra­tegica per il futuro delle politiche sanitarie”. Per Vico del Gargano e Vieste si tratterebbe, in pratica della perdita del laboratorio di analisi, che verrebbe sostituito da apparecchiature­ in grado di effettuare analisi esclusivamente in presenza di casi in cui vanno ve­rificate le condizioni di un paziente che do­vesse rivolgersi ai centri di primo intervento. Qualche settimana addietro, tornammo sul­l’argomento tagli di servizi e, conseguente­mente, di personale, anticipando che, a livello regionale, si stava predisponendo un piano di interventi che avvrebbero riguardato, appunto, la riorganizzazione dei servizi sul territorio. Evidentemente, avevamo colto nel segno, se oggi, addirittura il presidente della commis­sione sanità, Dino Marino, can il suo inter­vento denuncia un piano di razionalizzazione (si fa per dire) che, guarda caso, penalizza for­temente questa parte di territorio.
Meraviglia anche di più il fatto che un esponente qual’è Dino Marino debba ricorrere alla pubblicazione di una lettera “`aperta” per far emergere le contraddizioni, che non sono soltanto di oggi, di una giunta regionale che continua a guardare ai Comuni del Gargano nord, in par­ticolar e in materia di sanità pubblica, come a un territorio dove, liberamente, operare vere e pro­prie scorribande piratesche.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici