Incendio Gargano, Cera: Vendola riferisca su fondi europei

‘Sul mancato accoglimento della domanda di accesso al fondo europeo di solidarietà da parte della Unione europea e riguardante il rogo del Gargano, chiedo che il presidente della Regione Nichi Vendola fornisca al consiglio regionale una immediata ed esauriente ricostruzione dei fatti già in occasione della seduta di martedì 12 febbraio’. Lo afferma il capogruppo dell’Udc alla Regione Puglia, Angelo Cera.

‘E’ una vicenda – spiega in una nota – che mostra molti lati oscuri e va chiarita al più presto, ma soprattutto pretendiamo che siano accertate le responsabilità che sono pesantissime. Il Gargano ha subito un danno incalcolabile, le fiamme hanno addirittura provocato delle vittime, l’economia ne ha risentito pesantemente e le immagini del rogo che ha distrutto centinaia di ettari di macchia mediterranea e messo in ginocchio una fiorente industria turistica, fiore all’occhiello della Puglia, hanno fatto il giro del mondo’.

‘Non si può negare – insiste Cera – un legittimo risarcimento ad un territorio che ha già pagato un prezzo così alto. In questa fase stiamo assistendo ad un rimpallo di responsabilità tra governo nazionale e Regione e non è concepibile continuare in questa direzione. I cittadini e la comunità garganica pretendono di conoscere la verità e Vendola deve darci gli elementi di cui possiede per capire se l’errore è stato compiuto dagli uffici della Protezione civile nazionale oppure da quella regionale’. ‘Chi ha sbagliato – conclide – dovrà trarre le necessarie conseguenze, mentre è compito della politica attivarsi per rimediare al pressappochismo con cui il governo regionale, comunque, ha omesso un’azione di controllo e ciò dimostra quanto in scarsa considerazione Vendola abbia il Gargano ed i suoi problemi’.

Fonte: teleradioerre.it

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Se ti interessa un contenuto contattaci su blog@rodigarganico.info!

Condividi il post con i tuoi amici